facebook rss

I ladri tornano a colpire,
svaligiato una appartamento alla Piazzarola

ASCOLI - Approfittando dell'assenza del proprietario, la notte scorsa si sono arrampicati sul balcone, poi hanno infranto il vetro di una porta-finestra e quindi hanno agito indisturbati. Hanno rubato tre computer portatili e altri oggetti di valore. Denuncia presentata ai Carabinieri

di Andrea Ferretti

Su come evitare le truffe, il decalogo dei Carabinieri va seguito alla lettera. Sono consigli utili che risolvono parecchi problemi. Ma il decalogo su come evitare i furti è però impossibile da redigere per tutte le forze dell’ordine perchè i ladri, se decidono di colpire, nel novanta per cento dei casi ci riescono. Furti con destrezza, furti con scasso, furti con strappo (lo scippo, ma qui si prefigura la rapina). Ce ne sono per tutti i gusti, e prevenirli o sventarli spesso è impossibile anche se si dispone di sistemi d’allarme all’avanguardia, visto che quasi sempre i malfattori sono ancora di più all’avanguardia. Figuriamoci allora se uno, cioè la maggior parte della gente, non ha nemmeno quelli. E’ quello che è accaduto la notte scorsa ad Ascoli, nel quartiere della Piazzarola. Siamo nel cuore della città, nel dedalo di rue che sovrasta l’agglomerato urbano. Una zona densamente abitata fino a qualche anno fa, soprattutto da ascolani. Poi la “geografia” della Piazzarola è cambiata e, con essa, sono cambiati pure i residenti. Ovvero quei pochi abitanti rimasti che non sono stati costretti a sloggiare da edifici lesionati dal terremoto.

Ebbene la notte scorsa, approfittando del fatto che nessuno fosse in casa, in rua Sant’Antonio (una delle stradine che collegano Lungo Castellano con la piazzetta situata nel cuore della Piazzarola), i topi d’appartamento – ammesso, e non concesso, che non ne fosse un topo solitario – sono tornati in azione. Dopo aver probabilmente studiato il colpo ed essere certi che in casa non ci fosse nessuno, hanno preso di mira un appartamento del primo piano. Si sono arrampicati fino al balcone e poi, dopo aver infranto il vetro della porta-finestra, sono penetrati all’interno. Hanno frugato dappertutto e alla fine se ne sono andati con tre computer portatili e altri piccoli oggetti di valore. Bottino insomma non ingombrante, ma che sul “mercato nero” può essere rivenduto facilmentee rende bene. Il padrone di casa, uscito alle ore 21, ha fatto rientro stamattina alle 9 e si è trovato di fronte a quello che non proprio s’aspettava. Nessuno dei vicini ha sentito nulla e i malviventi hanno agito con calma, indisturbati. Non gli è rimasto che rivolgersi ai Carabinieri, firmando una delle tante denunce contro ignoti che vengono presentate nelle stesse caserme dell’Arma o, per chi decide di rivolgersi alla Polizia, in Questura.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X