facebook rss

Trionfa “Sei di Ascoli se..”,
Paolo Angelini “mascherina d’oro”
(Fotogallery)

ASCOLI - Consegnati a Palazzo dei Capitani i riconoscimenti per il Carnevale 2019 che sarà ricordato con il boom di pubblico registrato nella giornata di domenica
...

I protagonisti della parodia del gruppo “Sei di Ascoli se” vincitori assoluti del Carnevale 2019 (Fotoservizio Andrea Vagnoni)

di Stefania Mistichelli

Il Carnevale di Ascoli ha scelto il suo Re, che aprirà l’edizione 2020. A meritare la mascherina d’oro è stato uno stupito e commosso Paolo Angelini, premiato durante la cerimonia condotta da Stefano Traini per una carriera carnascialesca quarantennale, nel corso della cerimonia condotta da Stefano Traini e che si è tenuta nel pomeriggio nella sala della Ragione. «Non mi pare vero», ha dichiarato ai microfoni di radio Ascoli TV, che ha seguito la cerimonia in diretta facebook sulla pagina dell’associazione, e continuando ha raccontato: «Io mi sono sempre mascherato, dal 1961 ho lasciato solo qualche anno per lutto. Spesso in coppia con Ugo Capriotti, come l’anno scorso quando con la complicità di Maria Tisi del Brecciarol Bar facemmo “la mora di Equitalia”. Ho poi scelto spesso detti ascolani, come “quanne tira na filippina” o “chi vive sperenne…”. Mi ricordo, due anni fa, che io e Ugo avevamo un carro con su scrittto “annanze”, costruito a partire da un grande scatolone. Lo tiravamo io da una parte e lui dall’altra e dicevamo “tireme annanze”. Insomma, a Carnevale mi diverto, ma quello che mi piace del Carnevale è far divertire gli altri. L’importante è che anche i giovani si mascherino, perché saranno il Carnevale del domani».

Vincitore assoluto del Carnevale 2019, dalla categoria B, “Sei di Ascoli se…”, spassosa parodia del frequentato gruppo Facebook, mentre la mascherina d’argento è andata a Nazzareno “Zè” Bachetti, altra istituzione del carnevale.

Magda e Furio

A meritare una menzione speciale anche la mascherata fuori concorso di Furio e Magda dal film di Carlo Verdone “Bianco, rosso e verdone” ideata da Stefano “Saffo” Marozzi e dalla moglie Chiara Giovannozzi, per il merito di aver esportato molto di fuori dei confini cittadini il Carnevale ascolano. La sua azzeccata mascherata, infatti, è diventata virale sui social, condivisa da influencer del calibro di Selvaggia Lucarelli, citata su blasonate trasmissioni televisive quali “Propaganda” di Zoro alias Diego Bianchi e su quotidiani nazionali come Repubblica, oltre che ricondivisa su molteplici pagine Facebook come quella del “socio Aci”, dedicata ai film di Carlo Verdone.

TUTTI I PREMIATI
Categoria A: al primo posto “Pe’ fa la spesa ce vo lu ponte, quille de Cecco che na’ notte è pronte”; al secondo posto “U perdi’ ne lu vogghier senti’”; al terzo posto “Quand’l’Ascensio’ mette la cappella… l’ascula’ nen po’ scì senza l’ambrella”.

Il ponte di Cecco

Categoria B: al primo posto “Sei di Ascoli Piceno se…”; al secondo posto “Li spusce è ite a fa li foto… mo ce fa ll’engà lu cuoll!!!”; al terzo posto “Vuo’ fa parte de la crema”.

Categoria C: al primo posto Ch’ mme sta dentre na votte de ferre; al secondo posto Dice che tutte ce ne aveme una ma lu mie’ è proprie defettuse, al terzo posto #allanimadellanisetta.

Categoria D: al primo posto Ho dato un taglio alla mia vita; al secondo posto L’anvidia nen volle mai meri’; al terzo posto Mi scappa…

Categoria G:  al primo posto Tutt ssù casì pe ddo’ ciammariche; al secondo posto So ternata; al terzo posto Lu semare de sette patrù se meriette de fame.

Categoria OB (Omnia Bona): al primo posto Sola soletta e giro; al secondo posto Ma tu lu sa la dama nda fa???; al terzo posto Ho dato un taglio alla mia vita.

Categoria Baby (da 0 a 10 anni): al primo posto Ce seme passate ‘na porrata a chemmeniò; al secondo posto Li ciammarice se ne areva’; al terzo posto Transformer..

Il Premio “Lu Sfrigne” è andato a Domenico Silvestri, mentre il Premio Pignoloni, che in memoria di Ottorino Pignoloni va sempre ad un gruppo numeroso, è andato al gruppo di Amedeo Lanciotti“U perdì ne lu vogghie sentì”.

Il “Premio Lattanzi”, in memoria di Giangiacomo Lattanzi, è andato a Li spusce è ite a fa’ li foto… .

Il primo premio per Ascoli Piceno Cosplay è andato ai “Pirati dei caraibi”, vincitore del concorso Instagram (con 846 voti).

Il gruppo vincitore della Festa della fantasia è stato “Ca’, semare e serv’tu ressemigghia tutte a li padrù.”

Il premio di Wap, per le attività commerciali, è andato a “Bellezza e benessere parrucchieria”.

Il premio per la maschera Comunicattiva assegnato da radio Ascoli è andato a “Le recchemannate”.

Menzioni speciali a: Carmelita Galiè (premio alla carriera), Zè Vagni, Alberto Ercoli e Domenico Fioravanti (premio per la continuità), a Emilio Mignini (premio per il miglior abito), ai Pulcinella del tradizionale Carnevale abruzzese e alle Ceramiche di Castelli.

Un premio è stato assegnato in ricordo di una delle figure storiche del Carnevale ascolano, Silvio Camaioni.

LA LOTTERIA – Infine, i numeri vincenti della lotteria del Carnevale: primo premio (500 euro in buoni acquisto) n. 2656, secondo premio (400 euro in buoni acquisto) n. 2265, terzo premio (300 euro in buoni acquisto) n. 0451, quarto (200 euro in buoni acquisto) n. 1643, quinto premio (100 euro in buoni acquisto) n. 0851.

(servizio aggiornato alle 22.05)

LA FOTOGALLERY COMPLETA DELLE PREMIAZIONI


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X