facebook rss

Vivarini: «Ho detto all’arbitro
che era da rosso»
Lovato e Tesoro:
«Prestazione importante»

SERIE B - L'allenatore dell'Ascoli racconta quello che è avvenuto nel momento in cui è stato commesso il fallaccio su Rosseti proprio davanti alla sua panchina e al quarto uomo. Soddisfatti il direttore generale e il direttore sportivo bianconeri

Vincenzo Vivarini è stato allontanato dopo il fallo commesso su Rosseti

Rosseti claudicante, ma senza stampelle, al termine di Verona-Ascoli. Per lui una vistosa fasciatura alla caviglia sinistra. Per quello che è accaduto, e per il risultato, è molto arrabbiato mister Vivarini. «Il fallo su Rosseti – dice il tecnico bianconero – è avvenuto davanti a me e al quarto uomo. Era da rosso e all’arbitro ho solo detto questo, lui con presunzione mi ha mandato negli spogliatoi. Ho una rabbia dentro perché i ragazzi fanno prestazioni di alto livello, ma purtroppo non veniamo ripagati. Oggi abbiamo fatto regali. Beretta volevo risparmiarlo perché aveva la caviglia in disordine. Sapevamo che loro pressavano nella zona dove è stata persa la palla del pareggio. Meritavamo la vittoria, mi dispiace perché i ragazzi sono stati bravi e per i punti che ci mancano in classifica».

Ai microfoni di “Radio Ascoli” il direttore generale Gianni Lovato: «Resta un punto importante che si lascia soddisfatti, l’espulsione di Marrone era evidente, l’hanno ammesso anche loro. Siamo una squadra che non si tira indietro». Gli fa eco il direttore sportivo Antonio Tesoro: «Siamo tornati a fare una prestazione importante in condizioni di emergenza con una squadra che punta a vincere il campionato. Noi eravamo più pericolosi, ho visto un arbitraggio casalingo nel primo tempo e confuso nella ripresa. Ninkovic è stato ammonito per un parapiglia quando di solito, in quelle occasioni, si danno al massimo due gialli».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X