facebook rss

Atletico Ascoli irriconoscibile:
clamoroso 6-2
sul campo della Maceratese
(Le foto)

PROMOZIONE - All'Helvia Recina è sinfonia biancorossa. La sfida contro la seconda in classifica termina con un risultato tennistico per i padroni di casa. Per i biancorossi segnano Mongiello (3), Moriconi (2) e Severoni. Le reti della squadra di Filippini, con Gassama e Tarli su rigore, quando ormai la gara è chiusa

 

di Mauro Giustozzi

(foto di Fabio Falcioni)

Il presidente Crocioni alla vigilia aveva chiesto un cambio di passo alla sua HR Maceratese per il finale di stagione. Ma sicuramente non si aspettava una Rata così devastante contro la seconda in classifica che perde partita e probabilmente anche l’ultima chanche di rincorrere il Valdichienti capolista. Devastante Ridolfi nell’inventare il gioco biancorosso, Mongiello che segna la tripletta e Moriconi che fa doppietta. Una prestazione davvero superlativa dell’HR Maceratese che ha mandato in estasi una tifoseria tornata in buon numero sugli spalti dell’Helvia Recina. Un successo che consente alla Rata di mantenersi in zona playoff nell’ultima posizione utile. Ma anche una gara che lascia tanti rimpianti. Se la Maceratese avesse giocato sempre con questo spirito, questa determinazione e questa voglia forse adesso i biancorossi sarebbero ancora in lotta per il primato. Un successo che comunque consente all’undici di mister Moriconi di accorciare le distanze dalle formazioni che la precedono in zona playoff. E di giocarsi nelle restanti partite tutte le proprio carte per migliorare la posizione playoff. Nella Maceratese si rivede dopo diverse settimane anche Arcolai che torna ad indossare la fascia di capitano. Mister Moriconi preferisce Massini a Suwareh che parte dalla panchina. Con Bigoni spostato a destra per fronteggiare il guizzante Giovannini. Nelle file dei piceni ancora fuori Gibbs gioca Castellana.

La cronaca – Avvio di partita molto tattico e prudente sui due fronti: il gioco ristagna a centrocampo senza che vi siano azioni pericolose verso le rispettive porte. Al 15’ fiammata degli ospiti con Giovannini che si fa luce sulla destra, entra in area ma la sua conclusione è sporcata dalla difesa di casa in calcio d’angolo. Dopo una lunga fase di stasi della sfida la Rata al primo vero tiro nello specchio della porta avversaria sblocca il risultato: Ridolfi conquista caparbiamente un fallo laterale che viene battuto rapidamente, palla ancora a Ridolfi che la allarga a Severoni che si incunea centralmente e va ad una conclusione radente che non lascia scampo al portiere dell’Atletico Ascoli. Ospiti che accusano il colpo e HR Maceratese che ne approfitta e come un pugile scocca l’uno-due vincente. Ripartenza biancorossa, palla ancora a Ridolfi che invita alla conclusione l’accorrente Moriconi che con uno splendido pallonetto batte Albertini.

E’ il 26’ e la Rata si ritrova sul doppio vantaggio in una sfida sin lì bloccata e giocata con grandissima prudenza da entrambe le formazioni. Atletico Ascoli che non riesce a raccapezzarsi ed i biancorossi di Moriconi ne approfittano per affondare ancora nella fragile difesa avversaria: protagonista è sempre il solito Ridolfi che scappa via sulla fascia sinistra, entra in area e converge verso il centro, da dietro irrompe Serafini che lo atterra e l’arbitro vicinissimo all’azione non ha esitazioni decretando il penalty: dal dischetto si porta Mongiello che insacca con un rasoterra a fil di palo nel tripudio del pubblico biancorosso quasi incredulo di vedere una formazione che finalmente sprigiona il suo valore contro un avversario di rango.

Un primo tempo di nettissima marca biancorossa viene concluso con una plastica parata di Albertini su sventola dalla lunga distanza del baby Piccioni. In avvio di ripresa pericolosa la formazione di Filippini con una punizione di Coccia che impegna severamente Tomba in una deviazione aerea che salva la sua porta. La replica biancorossa è però letale: ancora Ridolfi che inventa calcio, da lui parte l’assist del contropiede di Mongiello che vola via sulla sinistra, entra in area e insacca il poker Rata. Qualche minuto dopo, però, disimpegno leggero di Arcolai, palla che cade nella zona di Gassama che s’invola verso la porta di Tomba e lo batte in uscita con un preciso rasoterra. Partita impazzita con rovesciamenti di fronte continui e Maceratese che riporta il punteggio dalla sua parte in modo larghissimo al 17’: Mongiello entra in area e tira, respinge Albertini che poi recupera la palla toccatagli però da un compagno. Calcio di punizione a due nell’area piccola. Tocca Moriconi per Mongiello che realizza la tripletta personale ed il 5-1 della Rata. Non è finita perché allo show del gol si associa ancora Moriconi che realizza la sua doppietta personale con una punizione all’incrocio dei pali prima di uscire con una standing ovation dei suoi tifosi. Al 32’ l’ex Di Marco appena entrato si guadagna un calcio di rigore per fallo di mano di Bigoni: si incarica della conclusione Tarli che spiazza Tomba e segna il secondo gol dei piceni. Le emozioni si chiudono qui, in una partita che, dopo un avvio prudente, ha dato la stura ad una incredibile girandola di gol.

MACERATESE (4-3-3): Tomba; Bigoni, Arcolai, Capparuccia, Piccioni; Campana (43’st Andreucci), Severoni (24’st Falco), Moriconi (28’pt Suwareh); Ridolfi (38’st Cervigni), Mongiello (31’st Agostinelli), Massini. A disposizione: Farroni, Argalia, Milanesi, Tartabini. Allenatore: Moriconi.

ATLETICO ASCOLI (4-3-3): Albertini; Serafini (23’st Tarli), Castellana, Sosi, Fabi Cannella (20’st Gibbs); Iachini, Coccia (20’st Santoni), Tedeschi; Mariani (31’st Filiaggi), Gassama, Giovannini (26’st De Marco). A disposizione: Spinelli, Petritola, Malavolta, Funari. Allenatore: Filippini.

Arbitro: Ercoli di Fermo.

Reti: 23’pt Severoni (M), 26’pt e 27’st Moriconi (M); 33’pt su rigore, 8’st e 18’st Mongiello (M), 10’st Gassama (A), 33’st Tarli su rigore (A).

NOTE: spettatori 400 circa. Ammoniti: Severoni (M), Moriconi (M), Mariani (A), Bigoni (M), Giovannini (A), Ridolfi (M), Campana (M). Angoli 9-4 per la Maceratese.

 

 

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X