facebook rss

I problemi dell’adolescenza
verranno affrontati in un seminario

SAN BENEDETTO - Appuntamento venerdì 22 marzo nella sala consiliare del Comune. Relaziona Roberta Cesaroni. L'assessore Emanuela Carboni: «I giovani sono una risorsa fondamentale per lo sviluppo della comunità e questi incontri servono per capire e superare gli ostacoli creati dalle differenze generazionali»
...

di Benedetto Marinangeli

Il settore politiche sociali del Comune di San Benedetto organizza per venerdì prossimo 22 marzo, dalle ore 17, presso la sala consiliare di viale De Gasperi un seminario rivolto a genitori ed educatori e a tutta la città in merito alle tematiche legate alla fase adolescenziale. Sarà tenuto da Roberta Cesaroni (psicologa ed esperta di coaching adolescenziale che cercherà di fornire strumenti utili ai genitori spesso spettatori attoniti di un periodo difficile come quello adolescenziale per supportare così i propri figli in questo cambiamento.

«L’adolescenza – dice la Cesaroni – comincia a 13 anni e finisce a 27. In questa fase inizia un contrasto tra il giovane, la famiglia e l’ ambiente e da qui nasce l’esigenza di attivare iniziative di questo tipo. Il genitore deve adeguarsi all’ adolescente che rischia di cadere nel vizio. Questi incontri sono fondati sulla riflessione ed incide nel lavoro di miglioramento. Per questo motivo bisogna subito iniziare a lavorare sui figli. Molto spesso presi dal lavoro e da altre circostanze si perde il valore principale che è la famiglia. Si deve recuperare un rapporto di amore, fiducia ed affetto. Per questo motivo prevediamo anche incontri con le scuole superiori del primo anno con ragazzi e genitori. Il coach adolescenziale lavora sulle potenzialità del giovane. Ogni essere umano sin da bambino le ha e bisogna farle esprimere».

«Abbiamo fortemente voluto questa iniziativa – aggiunge Antonietta Alba – anche a San Benedetto visto che negli altri comuni ha avuto positivi riscontri. Sicuramente ci sarà un seguito perché molte persone li hanno richiesti per chi non può essere presente a causa di impegni lavorativi. Sicuramente affronteremo altre tematiche».

«Questo seminario – è Simona Montauti che parla – fa parte di una serie di azioni che come settore servizi sociali del Comune stiamo mettendo in atto per i problemi adolescenziali. Una fase dello sviluppo estremamente importante da sostenere. Molto si è fatto e tanto ancora si farà per gli uomini e le donne del futuro. Per questo motivo è fondamentale  che si abbiano a disposizione strumenti utili sia per i genitori che per gli educatori in questa fase di cambiamento fisico, sociale e culturale. Quando si passa da bambini a grande si vivono crisi che vanno gestite e fronteggiate. E per questo motivo bisogna supportare i proprio figli come fa un allenatore, un coach».

«Gli adolescenti e i giovani sono una risorsa fondamentale per lo sviluppo della comunità – la chiosa dell’assessore comunale ai Servizi sociali Emanuela Carboni – e li sostiene in tutte le tappe della crescita: nidi, scuole, ludoteche, centro di aggregazione giovanile. I giovani sono titolati e portatori di diritti di personalità e di cittadinanza che devono non solo essergli riconosciuti ma che necessitano di contesti favorevoli per essere compiutamente attuati. Per questo motivo questi incontri servono anche per capire e come superare gli ostacoli creati dalle differenze generazionali».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X