facebook rss

Samb, la cura Magi
non dà gli effetti sperati,
con la Virtus Verona è solo 1-1
(Fotogallery)

SERIE C - In vantaggio al 21' pt con Ilari, rossoblù raggiunti a inizio ripresa. Dopo una buona mezzora, i veneti prendon campo evidenziando una maggiore freschezza atletica. Per la prima volta la squadra è stata fischiata. Il patron Fedeli lascia lo stadio al fischio finale e non si ferma in sala stampa. Ilari, 4° centro stagionale

Carlo Ilari ha appena portato in vantaggio la Samb: per il centrocampista ascolano è il quarto centro stagionale

di Benedetto Marinangeli

Non va oltre il pari interno la Samb contro la Virtus Verona. L’ 1-1 finale premia gli ospiti per l’atteggiamento tattico avuto per tutti i novantacinque minuti, sempre propositivi e mai domi. D’altro canto la cura Magi  non dà gli effetti sperati, anzi si è vista una Samb in difficoltà sul piano atletico rispetto alla freschezza messa in mostra dagli avversari. Una partita che servirà per valutare bene ciò che si dovrà fare in casa rossoblù per centrare i playoff. Il decimo posto è sempre in mano a Rapisarda e compagni che però hanno sprecato l’occasione di sopravanzare il Vicenza bloccato sul pari casalingo dalla Ternana.

Magi, conferma la difesa a tre (Celjak, Miceli e Biondi) ma presenta una Samb più propositiva con Ilari nel ruolo di ispiratore per le due punti Russotto e Stanco. In mediana ecco Rapisarda, Gelonese, Rocchi e Fissore. Signori e Di Massimo vanno in panchina. La punta di Sant’ Omero in settimana sembrava essere in pole position per affiancare Stanco in attacco. D’altro canto Fresco, allenatore e presidente della Virtus Verona dal 1982 non cambia modulo (4-3-1-2) rispetto alla vittoria con il Rimini confermando Grbac a ridosso del tandem offensivo Danti-Ferrara. I veneti scendono al Riviera forti di una lunga serie positiva di risultati. Nelle ultime sei partite hanno infatti collezionato quattro vittorie di cui le ultime tre consecutive e due pareggi.

E’ la Samb a prendere subito in mano il pallino del gioco iniziando a spingere sull’ out destra con Rapisarda. E proprio da quel fronte offensivo arrivano le più chiare occasioni da rete. Al 10’ è Ilari ad impegnare nella respinta Giacomel con il numero 20 rossoblù che al 20’ spreca una comodissima occasione. Rapisarda verticalizza per Russotto che mette al centro un pallone dove c’era solo scritto spingilo dentro. Ma Ilari ciabatta la conclusione sparando alto. Il centrocampista rossoblù, però, si fa perdonare un minuto dopo, finalizzando al meglio una conclusione sbilenca di Rocchi, sempre su assist di Russotto. La Samb passa così meritatamente in vantaggio. Per Ilari è il quarto centro stagionale.

La Virtus Verona prova a reagire ma va sempre a cozzare sull’ attenta retroguardia rossoblù che no concede spazi agli avanti veneti. Solo al 43’ si fanno vedere dalle parti di Sala con Giorico la cui conclusione  sfiora l’angolo alto alla destra di Sala. Ad inizio ripresa (7’) è Ferrara da fuori area a sfiorare il palo dopo un errato disimpegno di Ilari. Al 10’ arriva il pareggio dei venti con Danti che di testa su cross di Ferrara, approfitta di una dormita generale della difesa rossoblù per battere Sala. La rete ospite rappresenta un duro colpo per i rossoblù che stentano a riorganizzarsi. Magi se ne accorge ed inserisce al 15’ Bove per Ilari e Di Massimo per Russotto.

Ma è la Virtus Verona a menare le danze. Corta, tatticamente accorta la formazione di Fresco fraseggia tranquillamente in mediana, chiude gli spazi ed è propositiva anche in avanti. I rossoblù arrivano sempre secondi sul pallone denotando una condizione atletica non ottimale. Al 25’ è Casarotto di testa ad impegnare nella presa Sala. Ancora due cambi per Magi con D’Ignazio e Signori che prendono il posto rispettivamente di Celjak (Fissore arretra sulla linea difensiva) e Gelonese. Fresco manda negli spogliatoi l’autore del gol del pari Danti per Nolè, non variando l’atteggiamento tattico della sua squadra.

Il tecnico ospite fa poi tirare il fiato a Ferrara e Manfrini inserendo al loro posto Grandolfo e Trainotti. Magi, d’altro canto si gioca l’ultimo cambio dei cinque a disposizione con il giovane attaccante De Paoli per Rocchi. Ma il risultato non cambia, anzi è la Virtus Verona a mantenere costante il pallino del gioco ed a sfiorare nel finale il gol vittoria. Ed alla fine dalla curva nord oltre ai fischi si leva il coro “meritiamo di più”. Per la prima volta in questa stagione Rapisarda e compagni vengono contestati dai propri tifosi. Il presidente Franco Fedeli ha lasciato lo stadio al fischio finale senza fermarsi in sala stampa. Questo fatto la dice tutta sullo stato d’animo del massimo dirigente rossoblù per l’ennesimo pareggio interno.

SAMB (3-4-1-2): Sala 5; Celjak 5 (25’st D’Ignazio sv) Miceli 5,5 Biondi 5,5; Rapisarda 6 Gelonese 6 (25’st Signori) Rocchi 6 (33’st De Paoli) Fissore 6; Ilari 7 (15’st Bove): Russotto 6,5 (15’st Di Massimo) Stanco 5,5. A disposizione: Pegorin, Rinaldi, De Paoli,Cecchini, , Panaioli, Caccetta. Allenatore: Magi 6.

VIRTUS VERONA (4-3-1-2): Giacomel 6; Lavagnoli 6, Rossi 6,5, Sirignano 6,5 Manfrin 6 (32’st Trainotti sv); Onescu 6 Giorico 6 Casarotto 6; Grbac 6 (44’st Rubbo); Danti 7 (27’st Nolè sv) Ferrara 6,5 (32’st Grandolfo sv). A disposizione: Sibi, Pinton, Trainotti, Manarin, Frinzi, Rubbo, Fasolo, N’ Ze, Grandolfo, Danieli, Rossi, Goh. Allenatore: Fresco 6,5.

ARBITRO: Guida di Salerno 6 (assistenti Pellino e Festa).

Reti: 21’pt Ilari (S), 7’st Danti (V).

Note: spettatori 2.500 circa. Ammoniti: Ilari (S) e Rossi (V). Angoli 4-3 per la Virtus Verona. Recupero 1’+5′.

LA FOTOGALLERY

Fedeli lascia il Riviera in silenzio Magi: «Siamo crollati fisicamente»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X