facebook rss

Ascoli-Pescara a Di Paolo,
abruzzese di Avezzano: sorprende
la designazione di Morganti

SERIE B - Domenica al "Del Duca" avrà la necessaria serenità di giudizio? E Pillitteri di Palermo, dopo la mancata espulsione di Marrone (fallaccio su Rosseti) in Verona-Ascoli, torna in campo per Foggia-Spezia
...

di Bruno Ferretti

Si avvicina la fine del campionato e i punti in palio assumono un’importanza maggiore. Ogni partita può diventare quella decisiva e il compito degli arbitri diventa ancora più delicato e difficile. Proprio per questo vengono “aiutati” e messi nelle condizioni di svolgere al meglio il loro compito.

L’arbitro Di Paolo

La lunga premessa per capire come si possa designare un arbitro abruzzese per dirigere Ascoli-Pescara ovvero Aleandro Di Paolo di Avezzano (L’Aquila), 41 anni. Con tutto il rispetto che indubbiamente merita, con quale stato d’animo, con quale serenità di giudizio l’abruzzese Di Paolo arbitrerà il Pescara ad Ascoli?  Il rischio è che possa essere condizionato, in un senso o nell’altro. Per non alimentare questo dubbio sarebbe bastato assegnare a Di Paolo un’altra partita.

Il designatore Morganti

Ma il designatore Emidio Morganti, ascolano, ha deciso così: probabilmente dopo aver fatto altre valutazioni. Di Paolo domenica avrà come assistenti Pasquale Capaldo di Napoli e Gamal Mokhtar di Lecco, quarto ufficiale Maranesi di Ciampino. Nella passata stagione ha diretto a Chiavari la finale playout di andata Entella-Ascoli (0-0). In totale ha arbitrato 9 volte l’Ascoli con il seguente bilancio: 2 vittorie, 2 pareggi, 5 sconfitte. Nel campionato in corso ha diretto Pescara-Lecce (4-2) con l’espulsione di due pugliesi: Calderoni e Meccariello.

Pillitteri tra Pazzini e Addae durante Verona-Ascoli

PILLITTERI SUBITO IN CAMPO – Altra designazione che lascia perplessi é quella di Luigi Pillitteri di Palermo per Foggia-Spezia. Pillitteri é il criticatissimo arbitro del recente Verona-Ascoli 1-1 che al “Bentegodi” si è limitato ad ammonire Marrone dopo un’entrata killer sul bianconero Rosseti, costretto ad uscire per infortunio. Marrone, senza alcun dubbio, a giudizio di tutti, andava espulso. Un errore gravissimo per il quale avrebbe meritato una lunga sospensione. E invece, dopo aver saltato un solo turno, torna regolarmente in campo, designato da Morganti per Foggia-Spezia. C’è da restare sconcertati.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X