facebook rss

Rimosso il dosso della discordia:
ruspe davanti alle Industriali
(Tutte le foto)

ASCOLI - Gli operai stanno smantellando l'attraversamento pedonale finito nel mirino degli automobilisti
...

Le ruspe al lavoro

Dopo le feroci polemiche sui social e gli appelli degli automobilisti, in questo momento le ruspe stanno demolendo il dosso anti velocità in viale della Repubblica davanti all’Itis Fermi. La decisione è stata presa dal Comune vista anche l’incredibile situazione che si era venuta a creare a causa della “barriera” di asfalto in grado di danneggiare le auto. Per di più con l’acquazzone notturno si era creata una sorta di “piscina” in direzione “ovest” come testimoniato anche dalle foto. Ad auspicare le modifiche al dosso, preso di mira da tantissime vignette e fotomontaggi su Facebook, era stato anche il capogruppo del Pd Francesco Ameli che aveva chiesto, quanto meno, di “addolcire” gli attraversamenti pedonali.

«La sicurezza di pedoni e ciclisti – afferma Ameli – è questione primaria così come lo è altrettanto la tutela degli automobilisti che percorrono le strade comunali. Mi risulta che a seguito delle tante segnalazioni avanzate dai cittadini, il dosso dinanzi le Industriali sia già in fase di rimozione e sarebbe previsto un intervento anche per gli altri, al fine di evitare danni alle autovetture di tanti automobilisti. La nascita come funghi di “montagnole” di asfalto da un giorno all’altro, scarsamente segnalate, non è ammissibile né buona prassi amministrativa. Prima il Comune si appresta a posizionarli senza congrua ed oculata valutazione poi si appresta alla loro rimozione per evitare possibili richieste di risarcimento danni, data la pericolosità evidente degli stessi. Grazie ai tanti cittadini che hanno fatto sentire la voce per il bene comune. Ora sarà curioso di quanto è costata la posa in opera e la rimozione del manufatto, un comportamento schizofrenico. Bastava fare le cose fatte bene».

 

 

 

 

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X