facebook rss

Cesaroni pronto al bis:
«Ripopolare le frazioni,
nuove attività per i giovani
e Vigili del fuoco»

COMUNANZA - Il sindaco uscente si prepara per la tornata del 26 maggio e presenta lista e programma elettorale. Tra le novità anche il potenziamento dei collegamenti pubblici con la costa e Ascoli. Garantisce continuità con le opere già intraprese e la salvaguardia del lavoro esistente
domenica 5 Maggio 2019 - Ore 20:26
Print Friendly, PDF & Email

di Maria Nerina Galiè

Alvaro Cesaroni, sindaco di Comunanza  e candidato per il secondo mandato alle amministrative del 26 maggio, ha reso ufficialmente noti programma e lista, la numero 2 dal nome “Tutti insieme”, sabato 4 maggio. Tantissimi i concittadini presenti all’incontro per conoscere i nuovi progetti che gli aspiranti amministratori, qualora raccogliessero i consensi della maggioranza dell’elettorato, vorranno intraprendere accanto a quelli già avviati. Il confronto si è aperto con la presentazione della squadra dove si mischiano professionalità ed interessi diversi a competenze e primi approcci con la politica.

Si propongono per il ruoli di consiglieri Alberto Antognozzi, già nella giunta di Cesaroni come pure Giuseppe Giustozzi. Luigi Contisciani, presidente del Bim Tronto e capo dell’opposizione consiliare. Domenico Gionni, ex amministratore comunale con un’esperienza di presidente del Consiglio provinciale. Poi ancora Mirella De Santis, Luca Laurenzi, Elisa Massacci, Marco Monti, Claudio Nicolai, Andrea Passaretti, Francesca Perugini e Luigina Ponziani.  Impiegati, imprenditori e operai, pronti a mettersi in gioco con la ferma convinzione di poter apportare un prezioso contributo alla crescita del paese. Nelle parole del sindaco, Comunanza vedrà l’ottimizzazione dei servizi esistenti, lo sviluppo delle potenzialità turistiche, intese anche come diversificazione produttiva,  e la riqualificazione e l’implementazione di tutte le strutture pubbliche, da quelle sportive alle scuole al palazzo municipale. Una forte spinta in tale direzione è arrivata dai fondi messi a disposizione per il sisma, per le aree interne e di crisi, di cui l’amministrazione uscente ha carpito le potenzialità per addentare iniziative anche ad ampio respiro che dovranno essere portare a compimento (il progetto intorno al lago di Gerosa e la casa di riposo, ad esempio). «Non distoglieremo lo sguardo – ha assicurato Cesaroni – dalla salvaguardia del lavoro esistente, come fatto durante la vertenza Whirlpool che stiamo continuando a monitorare tutti i  giorni. Ma agevoleremo l’insediamento di nuove attività, soprattutto da parte dei giovani che intendono rimanere qui. Avranno tutta l’assistenza possibile da parte dell’Amministrazione comunale».

Particolare attenzione sarà posta, ed è questo un elemento nuovo rispetto ai temi che rimarcano la continuità, al ripopolamento delle frazioni e del centro storico «con incentivi di carattere tributario per chi vorrà andarci a vivere o a lavorare» ha promesso il sindaco. E’ stato inoltre prospettato il potenziamento dei collegamenti pubblici con l’Adriatico e Ascoli, per favorire l’interscambio con le realtà limitrofe più grandi.

Dall’apertura verso l’esterno, si è passati poi a ricordare «le peculiarità che vanno valorizzate perché rendono uniche queste zone, dove però le esigenze sono diverse rispetto ai centri maggiori e  pertanto meritevoli di risposte adeguate» ha detto ancora Cesaroni. C’è grande aspettativa per la realizzazione del Centro polifunzionale di Protezione Civile, da parte della Croce Rossa Italiana, su un lotto già messo a disposizione dalla giunta uscente e nel quale sarà inserito un eliporto attrezzato per il volo notturno. Lì accanto, ed è questa una novità assoluta, sorgerà un distaccamento dei Vigili del fuoco. Questo progetto potrebbe concretizzarsi a breve e rientra nel piano di riordino ed implementazione delle caserme su tutto il territorio nazionale.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X