Quantcast
facebook rss

Milioni di false fideiussioni
per Piano casa e fotovoltaico:
tutto prescritto per il broker

MACERATA - Francesco Marziali, 51 anni, ex sindaco di Force, era imputato per truffa e falso. Tra le accuse anche quella di aver raggirato i comuni di Macerata e di Treia. Avrebbe ottenuto profitto illeciti per circa 160mila euro. Oggi il procedimento si è concluso
...

di Gianluca Ginella

False fideiussioni per milioni di euro e truffe a società, imprenditori e ai comuni di Macerata e Treia: queste in sintesi le contestazioni per il broker Francesco Marziali, di Force, imputato per truffa e falso. Oggi è stata dichiarata la prescrizione per tutte le accuse. I fatti che gli venivano contestati al tribunale di Macerata erano avvenuti tra il 2009 e il 2011. Tra le contestazioni anche quella di aver dato garanzie per lavori legati al Piano casa di Macerata, per un impianto fotovoltaico di Treia, e ancora per la gestione dell’hotel Grimaldi, sempre a Treia. Secondo l’accusa, sostenuta dal pm Lorenzo Pacini, Marziali, ex sindaco di Force, 51 anni, predisponeva o faceva predisporre le false fideiussioni attribuibili alla società Finworld srl con la falsa firma del presidente di questa. Lo scopo di questo giro di fideiussioni, dice l’accusa, era di ottenere i premi corrisposti pari a circa 160mila euro.

Massimo Di Bonaventura

A Macerata Marziali avrebbe truffato Comune e azienda Il Bracciale srl che era presieduta, era il 2009, da Ulderico Lambertucci. Avrebbe realizzato 5 polizze fideiussorie che poi erano state depositate in Comune. Una era di 715mila euro, un’altra di 759mila euro, una terza superava i due milioni di euro, una quarta era di 305mila euro e una quinta di 45mila euro. Marziali avrebbe poi proposto le polizze alla società il bracciale e avrebbe garantito il migliore rapporto tra garanzie prestate e relativi costi, inducendo in errore la società e procurandosi un profitto illecito, dice l’accusa, di 68mila euro circa. Allo stesso tempo gli veniva contestato di aver truffato pure il comune di Macerata che aveva preso le polizze come garanzia dei lavori di edilizia residenziale previsti nel Piano casa. Altre 4 polizze fasulle le avrebbe rilasciate alla Mc Costruzioni srl in favore del comune di Macerata per la realizzazione di edilizia residenziale nell’ambito del piano lottizzato Pcl 12 comparto 8 del comune di Macerata. Polizze di 169mila euro, 159mila euro, 810mila euro, 532mila euro per un presunto ingiusto profitto di 20.700 euro. Altre fideiussioni false sarebbero state rilasciate alla società Bell’Amore srl in favore del comune di Treia per lavori di edilizia residenziale. In quel caso il profitto sarebbe stato di 37mila euro per Marziali. Anche in questo caso vittima della presunta truffa sarebbero stati sia la società che il Comune. E ancora, il broker avrebbe realizzato o fatto realizzare una serie di fideiussioni destinate alla gestione dell’hotel Grimaldi di Treia. In quel caso destinate ad una serie di aziende e imprenditori per un profitto ingiusto di oltre 20mila euro. E ancora altre polizze, tre, per un importo di circa 800mila euro, destinate ad una serie di imprenditori per un impianto fotovoltaico a Treia. In questo caso il profitto ingiusto darebbe stato di 16mila euro. Oggi per l’imputato, difeso dall’avvocato Massimo Di Bonaventura, oggi sostituito dal legale Vanni Vecchioli, il giudice Roberto Evangelisti ha dichiarato prescritti i reati.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X