facebook rss

Turismo, bellezza, efficienza:
Del Duca traccia la strada

MONTEDINOVE - Il sindaco arriva al suo terzo mandato dopo la roboante vittoria (75,79%) su Mazzoni. «Quando una macchina funziona non va cambiata, semmai potenziata». Energie rinnovabili, turismo, wi-fi e banda larga, «ma stiamo lavorando anche sul fronte strade con la riqualificazione dell’allaccio Cuprense-Val Tesino»

Antonio Del Duca e la sua squadra

di Maria Nerina Galiè 

Antonio Del Duca è un treno in corsa. E, nonostante abbia trovato un degno avversario, è stato riconfermato alla guida dell’amministrazione comunale di Montedinove per il terzo mandato, con un risultato che lo ha riempito di soddisfazione pari al 75,79% delle preferenze. «E’ stata una campagna elettorale dall’esito per nulla scontato -commenta il sindaco-. Pietro Mazzoni ha amministrato per 23 anni nei tempi passati ed ha deciso di rimettersi in pista, avvalendosi di persone che, in ambito locale, avevano solo esigenza di prendersi delle rivincite nei miei confronti. Ma il giudizio dell’elettorato è stato chiaro. Adesso continuiamo sulla strada intrapresa e con ancora più determinazione per far crescere il paese».

La torta alle mela rosa col risultato elettorale

Montedinove, un panorama mozzafiato conteso da mare e monti, punta sulla ricettività, sul turismo, la storia e i prodotti tipici, ambiti per i quali sono state captate le risorse messe a disposizione da quattro bandi a cui l’amministrazione ha partecipato e vinto. Tra questi ce n’è uno del Coni di 380.000 euro, con cui si sta valutando di coprire con un tetto telescopico la piscina, così da renderla fruibile sia d’estate che d’inverno.
«Non saremo mai un polo industriale, non ne abbiamo le caratteristiche» spiega Del Duca, il quale in 10 anni ha portato avanti iniziative che hanno reso il suo Comune un’azienda efficiente e all’avanguardia, autonomo dal punto di vista energetico, grazie all’imponente impianto fotovoltaico, ed in procinto di valorizzare maggiormente la mela rosa, già famosa ed al centro di progetti ad ampio respiro che vedono coinvolti l’Università di Camerino e l’Istituto Agrario di Ascoli. «Quando una macchina funziona -continua il primo cittadino- non va cambiata. Semmai potenziata con il supporto della tecnologia che ha già portato il wi-fi in diversi punti del paese. E presto arriverà anche la banda larga».
«Stiamo poi lavorando sul fronte strade -dice ancora Del Duca- con la riqualificazione dell’allaccio della Cuprense con la Val Tesino». Motivo di vanto per lui è anche l’organizzazione degli uffici comunali, che operano con sistemi all’avanguardia: «Teniamo testa in poco tempo a tutte le richieste».
Il nuovo consiglio comunale vede eletti Serena Canala, Marco Fabi, Stefano Mazzoni, Frida Romanelli, Renzo Tancredi, Ernesto Tilli e Eraldo Vagnetti. All’opposizione ci saranno Pietro Mazzoni, Alberto Antognozzi, Edvige Matricardi.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X