Quantcast
facebook rss

Il Vescovo benedice il nuovo sindaco:
«Basta polemiche,
si lavori per il bene comune»

ASCOLI - Il messaggio di monsignor Giovanni D'Ercole: «L’aver compiuto il suo primo atto da sindaco recandosi in pellegrinaggio alla Cripta di Sant’Emidio, non può che rallegrarmi. Saluto anche lo sfidante Celani, che ha portato avanti con impegno la sua battaglia. Ora però è necessario superare i dissidi per lavorare tutti per concorrere a realizzare il Bene Comune»
...

Marco Fioravanti e il vescovo all’interno del Duomo insieme a Matteo Salvini

Anche il vescovo Giovanni D’Ercole ha mandato un messaggio di congratulazioni al nuovo sindaco Marco Fioravanti uscito vincitore dal ballottaggio di domenica contro Piero Celani. «All’inizio della campagna elettorale – afferma D’Ercole – che ci ha portato a rinnovare il Parlamento Europeo e la guida della nostra città, avevo ricordato che l’azione politica rappresenta un’alta forma di carità sociale. E avevo espresso il desiderio che il nostro diritto-dovere di voto potesse contribuire a migliorare l’attuale situazione che ha veramente bisogno di tutti noi per fare dell’Europa e delle nostre città e paesi una vera e pacifica casa comune. Al termine del ballottaggio per la scelta del primo cittadino di Ascoli, rinnovo questo auspicio facendo i più vivi rallegramenti al nuovo sindaco Marco Fioravanti, risultato vincitore, augurandogli un mandato ricco di soddisfazioni per realizzare il bene della città. L’aver compiuto il suo primo atto da Sindaco recandosi in pellegrinaggio alla cripta di Sant’Emidio, non può che rallegrarmi e, allo stesso tempo, raccomandargli che questo gesto rappresenti un segno e un impegno per agire sempre in spirito di servizio alla nostra cara Ascoli sotto la protezione del suo Santo Patrono».

Il vescovo D’Ercole (Foto Vagnoni)

D’Ercole si rivolge anche allo sconfitto Piero Celani. «Desidero – afferma-   rivolgere un saluto anche allo sfidante, l’ingegner Piero Celani, che ha portato avanti con impegno la sua battaglia. Quando si è sconfitti, anche se con amarezza, occorre accogliere con serenità d’animo il risultato delle urne. Ora però è necessario superare i dissidi per lavorare tutti per concorrere a realizzare il Bene Comune. Buttandosi, perciò, alle spalle ogni polemica e ogni contrapposizione, da tutte le parti, è necessario andare nella medesima direzione (ognuno con il suo compito: maggioranza e opposizione) per realizzare il bene della città che è di tutti e aspetta il contributo di tutti, indistintamente. Assicuro la mia preghiera e, per quanto possibile, il mio contributo affinché, dopo la sfida elettorale, si possa fare di questa Città un laboratorio che rinuncia alla polemica come sistema e assume la cooperazione e il contributo di tutti come stile. Con l’augurio di ogni bene e di buon lavoro».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X