Quantcast
facebook rss

Dopo il voto, per il sindaco Leoni
ora è tempo di ricominciare

ROCCAFLUVIONE - Il giuramento in piazza. Guido Ianni è ancora il vice sindaco, mentre l’assessorato è andato a Luigino Alfonsi. Per l’opposizione ci saranno Antonio Scipioni (candidato sindaco), Cecilia Bruni e Luca Capriotti. Maria Adele Valentini è l’unica entrata dei tre che si sono candidati per la prima volta
...

di Maria Nerina Galiè

Il Consiglio comunale di Roccafluvione, eletto il 26 maggio, si è insediato martedì 11 giugno nell’ambito di una festa in piazza aperta a tutta la cittadinanza. Il giuramento del riconfermato sindaco Francesco Leoni è stata il momento clou. Continuità è la parola chiave del gruppo che porterà avanti le opere e gli intenti intrapresi nei cinque anni trascorsi. Ma saranno anche molte le nuove iniziative, già pensate oppure che verranno dalle esigenze che la stessa popolazione, favorita dagli intenti di apertura e condivisione dei neo governanti, potrà avanzare. Guido Ianni è ancora il vice sindaco mentre l’assessorato è andato a Luigino Alfonsi. Per l’opposizione ci saranno Antonio Scipioni, candidato sindaco, e della sua lista Cecilia Bruni e Luca Capriotti.  La distribuzione delle deleghe è ancora in corso ed una toccherà anche a Maria Adele Valentini, l’unica entrata per scelta dell’elettorato dei tre che per la prima volta si sono affacciati alla vita politica con il team di Leoni.

«Sono emozionata ma piena di entusiasmo. E non deluderò la fiducia dei concittadini» ha commentato senza nascondere che all’inizio l’inesperienza un po’ la preoccupava. «Ho però trovato un gruppo molto unito e pronto a dare preziosi consigli, a cominciare dal sindaco». Che non si è mai fermato e continuerà nella strada intrapresa in particolare sul fronte del post sisma, che ha generato impellenti necessità ma pure possibilità da “sfruttare al meglio” per superare il difficile momento. Tra queste, i fondi pari a 390.000 euro per la ristrutturazione dell’ex asilo che verrà ora adibito a Poliambulatorio. «Sarà un polo all’avanguardia – spiega Leoni – dove verrà spostata la medicina di base e ci saranno stanze per ambulatori privati, visite specialistiche e diagnostica. I lavori prenderanno il via entro il 2019 e il mio obiettivo è quello ottenere la convezione con l’Asur».

Anche la scuola di Valcinante dovrà essere ricostruita e se ne ricaveranno tre appartamenti per i terremotati. Il Miur ha permesso già l’adeguamento sismico della scuola materna. Ora sarà la volta delle elementari con 585.000 euro già stanziati e, sono in corso di approvazione 500.000 euro per le medie.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X