Quantcast
facebook rss

Nardini e Canzian attaccano il Pd:
«Procaccini e Ameli, un tranello
che non fa loro onore»

ASCOLI - Con un duro intervento bacchettano i due giovani consiglieri Dem sui rapporti interni all’opposizione e sull’alleanza siglata col gruppo Celani: «Il Pd sta svendendo la prospettiva di ricostruire il centrosinistra in cambio di una manciata di voti per le regionali del prossimo anno»
...

Nardini al primo Consiglio comunale

Il gruppo consiliare di Ascolto e Partecipazione, dopo alcuni interventi esternati da esponenti Pd, a margine del Consiglio comunale di ieri, replica duramente attaccando il segretario comunale del Partito, Angelo Procaccini, ed il consigliere, Francesco Ameli. Eloquente la nota inviataci da Emidio Nardini e Antonio Canzian: «Ieri, purtroppo – scrivono Nardini e Canzian – Ameli e Procaccini hanno messo in atto un tranello che non fa loro onore. Per giorni abbiamo loro proposto, alla presenza di Frenquellucci, di iniziare un percorso insieme ad A&P e al M5S, almeno su alcuni temi comuni e condivisi. Ieri, al contrario, sono riemersi modi di fare tipici di una politica ormai stanca e superata. Siamo infatti certi che Procaccini ricordi l’sms inviato a Nardini (se vuole glielo facciamo rivedere!) nel quale dice: “ti confermo incontro alle 16,30 prima del Consiglio con Massimo (Tamburri), ti prego di invitare Antonio (Canzian) che non ho il numero”».

Antonio Canzian

Un’introduzione chiara per arrivare al nocciolo della questione: l’alleanza Pd gruppo Celani creatasi in Consiglio e concretizzatasi con l’elezione a vice presidente del Consiglio del consigliere Dem, Pietro Frenquellucci: «Solo che alle 17 – continua la nota di Nardini e Canzian – mentre da mezz’ora noi e Tamburri eravamo in attesa, si presentano Ameli, Procaccini e Viscione (forse dopo una pre-riunione?) il quale “gentilmente” si è incaricato di illustrare quale potesse essere il quadro tattico-politico proposto a tutte le forze di minoranza. L’impressione è che i giovani del Pd non siano abituati alla nostra correttezza, rispetto alla situazione che è stata creata abbiamo preso atto della realtà e fatto le scelte che ritenevamo più opportune. Tutto qui! La ormai certezza è che il Pd stia letteralmente svendendo la prospettiva di ricostruire il centrosinistra ad Ascoli in cambio di una manciata di voti per le regionali del prossimo anno o per altri motivi a noi sconosciuti. Prendiamo dunque atto che per il Pd il “nuovo centrosinistra” alternativo a Fioravanti è costituito prioritariamente da Celani, Viscione, Lattanzi… Ameli e Procaccini».

E, dopo l’affondo, l’appello al Pd affinché cambi rotta politica: «Noi non possiamo riconoscerci in questa prospettata coalizione – chiosano Nardini e Canzian – A&P andrà avanti per la sua strada con chi ne condividerà i temi e le preoccupazioni, consapevole che una vera e convincente proposta alternativa alla destra non si crea sommando i simboli come fossero figurine, ma tornando ad ascoltare i cittadini, parlando dei loro problemi, coinvolgendoli nelle scelte, trovando insieme a loro le risposte ai loro bisogni, alle loro paure, dimostrandogli che la soluzione non è mettere i penultimi contro gli ultimi come in una sorta di moderno Colosseo. Questo, nel nostro piccolo, proveremo a fare. E speriamo, per il bene della nostra città e del Paese, che anche il Partito Democratico ricominci a farlo presto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X