facebook rss

Serie B: Palermo escluso,
risale il Venezia,
salvi Trapani e Chievo

SERIE B - Emessi i verdetti della Covisoc. I siciliani ripartiranno dalla serie D. Zanetti fra i 6 i tecnici esordienti. Il Pordenone giocherà a Udine. Undici nuovi allenatori

Stadio “Barbera” di Palermo: addio Serie B

di Bruno Ferretti

Palermo escluso dal campionato di Serie B, Chievo e Trapani saranno invece regolarmente ai nastri di partenza. Ecco i verdetti della Covisoc, l’organismo della Federcalcio che controllo conti e bilanci economici delle società. Fugati i dubbi dei giorni scorsi: la documentazione prodotta da Chievo e Trapani é stata considerata idonea per l’iscrizione. Cadono così le speranze di ripescaggio di Padova e Carpi, retrocessi in Serie C. Al contrario del Venezia che, invece, é stato riammesso in B al posto del Palermo la cui iscrizione é stata respinta per la mancanza della fideiussione e perché non sono stati pagati gli stipendi ai calciatori, nei tempi stabiliti. I siciliani, come previsto, ripartiranno dalla Serie D. Ovviamente potranno presentare appello a questo verdetto ma i margini per ribaltarlo, obiettivamente, non ci sono.

Stadio “Penzo” di Venezia: di nuovo Serie B

Ecco le 20 squadre della Serie B 2019-2020 (nelle parentesi gli allenatori): 1 Ascoli (Zanetti, nuovo), 2 Benevento (Inzaghi, nuovo), 3 Chievo (Marcolini, nuovo), 4 Cittadella (Venturato), 5 Cosenza (Braglia), 6  Cremonese (Rastelli), 7 Crotone (Stroppa), 8  Empoli (Bucchi, nuovo), 9  Frosinone (Nesta, nuovo), 10 Juve Stabia (Caserta), 11 Livorno (Breda), 12 Perugia (Oddo, nuovo), 13 Pescara (Zauri, nuovo), 14 Pisa (D’Angelo), 15 Pordenone (Tesser), 16 Salernitana (Ventura, nuovo), 17 Spezia (Italiano, nuovo), 18 Trapani (Drago, nuovo), 19 Venezia (Dionisi, nuovo), 20 Virtus Entella (Boscaglia).

I nuovi allenatori sono 11 su 20 ovvero più della metà. Sei gli esordienti in B: Zanetti, Caserta, Marcolini, Zauri, Dionisi e D’Angelo. Il trainer più giovane è il neo bianconero Zanetti (36 anni), il più anziano Ventura della Salernitana (71). Quest’ultimo è stato anche Ct della Nazionale azzurra, ma con poca fortuna. il Pordenone disputerà le partite casalinghe allo stadio di Udine perché il “Bottecchia” per avere la necessaria agibilità dovrà essere sottoposto a restauro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X