facebook rss

“Sibille e Marie”,
si cammina ad Altino

MONTEMONACO - Il Festival dell'Appennino fa tappa nella frazione con un menu composto da escursione, performance teatrale, concerto per arpa e la conferenza di Mario Polia “Virgo Sapiens e il Regno della Sibilla”

“Sibille e Marie” è il titolo della nuova tappa del Festival dell’Appennino che si terrà ad Altino di Montemonaco. Si prevede una giornata molto suggestiva con ritrovo fissato per le 8,45 in loco e partenza alle 9 per un’escursione adatta a tutti, 320 metri di dislivello e 8 chilometri totali tra andata e ritorno.

L’ingresso della Grotta della Sibilla (da Wikipedia)

Il rientro, intorno alle 11,15, vedrà la performance/reading teatrale in lingua inglese “The starry cave” (“La grotta della Sibilla”), con seguente pranzo al Rifugio di Altino. Nel primo pomeriggio, alle 14,30, ci si sposterà sotto Santa Maria in Pantano per la conferenza del professor Mario Polia “Virgo Sapiens e il Regno della Sibilla” e a seguire si chiude con “La poetica e il mistero della Sibilla”, racconto musicale con arpa e voci a cura dell’Associazione MusiCantiArpistici. Questi ultimi faranno rivivere al pubblico il mito della Sibilla Appenninica attraverso i canti dei pellegrini, comparandoli a quelli delle processioni religiose (“Cantigas de Sancta Maria”). Il concerto vede la partecipazione di Debora Senesi (voce), Alessandra Santovito (voce e traversa) e dall’arpista Gian Luca Testi.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X