facebook rss

Ascoli ai playoff: l’obiettivo
è chiaro ma occorre rendere
più competitiva la squadra

SERIE B - Non bastano i proclami. Per raggiungere il traguardo indicato dal patron Pulcinelli l'organico dovrà essere migliorato. Venerdì 12 luglio il raduno e poi i test

Il patron Massimo Pulcinelli

di Bruno Ferretti

I playoff. Stavolta l’obiettivo é dichiarato e ben chiaro, senza “se” e senza “ma”: l’Ascoli deve puntare diritto a classificarsi fra le prime otto per poi giocarsi la promozione negli spareggi. Il patron Massimo Pulcinelli lo ha detto e ripetuto più volte. Ed è un imprenditore di successo che quando si pone un obiettivo fa di tutto per raggiungerlo. Vero è che nel calcio ci sono molte variabili e 2 più 2 non fa sempre 4. Nel prossimo campionato di B non ci saranno corazzate tipo Verona, Brescia, Palermo, con tutto il rispetto per Chievo, Empoli e Frosinone che scendono dalla Serie A.

Il ds Tesoro

L’Ascoli, insomma, ha tutte le carte in regola per lottare con le prime per trovare in posto al sole. Ma il nome prestigioso e le ambizioni dichiarate non bastano: é necessario che la squadra sia bene attrezzata e resa competitiva. Ecco perché é lecito aspettarsi rinforzi adeguati, in ogni reparto, capaci di migliorare la qualità tecnica. Pulcinelli certamente é consapevole di questo e dovrà agire di conseguenza. Il mercato è lunghissimo (fino al 2 settembre) e il tempo non manca, ma prima di completa la squadra e meglio è per tutti. Soprattutto per il nuovo allenatore Zanetti che dovrà conoscere gli uomini a disposizione, le loro caratteristiche. Dovrà anche individuare eventuali carenze o punti deboli sui quali intervenire.

Il nuovo Ascoli si presenterà venerdì 12 luglio all’hotel “La Corte del Sole” dove, prima di pranzo, il ds Tesoro terrà una conferenza stampa per fare il punto sul mercato, magari annunciando le operazioni già concluse. Poi i bianconeri effettueranno i primi test atletici e visite mediche. Gli attaccanti Scamacca e Djermanovic, i centrocampisti Murawski, Petrucci, Piccinocchi: dovrebbero essere questi i primi nomi nuovi. Altri se ne aggiungeranno. Non ci sono più: Addae (Juve Stabia), Frattesi (Sassuolo), Padella (Vicenza), Milinkovic-Savic (Torino e poi Standard Liegi), Casarini (Novara), Iniguez (Udinese), gli svincolati Troiano, Laverone e Valentini. Il rinnovamento dell’organico sarà radicale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X