facebook rss

Terremoto, messa in sicurezza
la palazzina di via Argenti:
ma le nove abitazioni
restano inagibili

ASCOLI - Gravemente lesionata dal sisma dell'ottobre 2016. Scongiurato il pericolo di crollo ma proprietari e residenti non possono tornare

La palazzina di tre piani situata al civico 35 di via Achille Argenti a Borgo Solestà é stata messa in sicurezza. Finalmente esaudite le istanze dei proprietari dei nove appartamenti. I muri perimetrali dell’edificio sono stati ingabbiati con cavi di acciaio e strutture metalliche per scongiurare il pericolo di crollo. Ma resta il problema del restauro degli appartamenti, tutti resi gravemente inagibili dal terremoto dell’ottobre 2016.

Sono trascorsi quasi tre anni e nessuno può ancora tornare negli appartamenti. «Quanto tempo ancora dovremo aspettare?» si chiedono con preoccupazione alcuni proprietari ed ex residenti della palazzina nella quale abitavano anche due persone disabili. É vero che alcune famiglie residenti e costrette a trasferirsi altrove percepiscono il Cas (contributo regionale di assistenza per chi ha case lesionate dal terremoto) ma non potrà essere così in eterno. E cosa devono dire i proprietari che non possono tornare a casa loro?

Il Comune di Ascoli, attraverso il proprio Ufficio Tecnico, ha effettuato diversi sopralluoghi nella palazzina che si trova all’angolo con via Macallè, sulla base dei quali ha emesso due ordinanze per la messa in sicurezza il 26 settembre 2016 (numero 455) e il 5 gennaio 2017 (numero 11). L’edificio pericolante per quasi tre anni, é rimasto transennato. Adesso il pericolo crollo sembra evitato, ma occorre completare i lavori per consentire alle nove famiglie di tornare finalmente a casa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X