facebook rss

Salernitana-Samb 4-1
nel test di San Gregorio Magno,
Montero: «Non diamo peso al risultato»

SERIE C - Il tecnico ha schierato una formazione ricca di giovani che per quaranta minuti non ha sfigurato al cospetto di un club di categoria superiore. Evidente le lacune di organico rossoblù. Intanto il portiere Pegorin passa al Rieti

di Benedetto Marinangeli

Sconfitta per 4-1 la Samb nel test di questo pomeriggio a San Gregorio Magno con la Salernitana. Una gara che ha evidenziato la differenza di categoria tra le due squadre e di conseguenza il loro spessore tecnico. Da una parte in granata con una formazione ricca di bei nomi, dall’ altra il club rossoblù ancora in fase di costruzione. E Montero ha messo in campo una marea di giovani, tutti quelli che ha nel ritiro di Roccaporena. Assente Cernigoi, il tecnico uruguagio ha schierato la squadra con il 4-2-3-1.

La linea arretrata a difesa della porta di Santurro era composta da Rapisarda, Biondi, Miceli e Trillò. In mediana ecco Gelonese e Panaioli con Volpicelli, Bove e Zancocchia a ridosso dell’ unica punta Di Massimo. E per almeno quaranta minuti, fino al gol della Salernitana,  i rossoblù hanno fatto vedere cose discrete. Buon pressing alto ed anche qualche accettabile trama di gioco ma senza pungere più di tanto. Evidenti le lacune di organico che necessitano di essere colmate al più presto. Una gara, comunque, caratterizzata dal gran caldo.

Pegorin

La Salernitana passa in vantaggio al 40’ pt  con Giannetti, dopo un’azione sviluppatasi sulla fascia destra, grazie all’assist di Lombardi, a sua volta servito da Akpa Akpro. Nella ripresa classica girandola di sostituzioni in casa Samb con Ventura che mantiene fino al 25’ st l’undici di partenza. Il raddoppio granata arriva al 19’ st grazie ad un rigore trasformato da Kiyine.

I rossoblù, però, riescono ad accorciare le distanze tre minuti dopo grazie ad  un clamoroso errore di Pucino, che nel tentativo di passare a Micai realizza la più classica delle autoreti. Al 34’ st la Salernitana cala il tris con Odjer a seguito di una punizione calciata da Cicerelli. Al 44’ ecco la quarta rete granata con Cicirelli.

Montero da questo match può trarre utili indicazione ma la cosa che conta è che la società inizi a mettere i calciatori giusti nelle caselle vuote dello scacchiere rossoblù. Intanto ha lasciato la Samb Fabio Pegorin che da oggi difenderà la porta del Rieti. Per lui contratto annuale con possibilità di rinnovo. L’ultimo dei reduci del campionato vinto in D è pronto per una nuova avventura.

“Credo -commenta Paolo Montero – che sia stato un test importante dove ho visto una squadra compatta e, soprattutto nel primo tempo. Una formazione che se l’è giocata alla pari con una formazione di serie B che nella prossima stagione proverà ad andare in A. Credo che sia la dimostrazione di come stia lavorando bene la squadra in questi primi giorni di ritiro. Anche se siamo ancora all’inizio e in una fase in cui ci stiamo appena conoscendo. Poi ci sono tanti giocatori giovani e tanti nuovi. Oggi dopo un viaggio così lungo in preparazione meritavano di giocare tutti, quindi non diamo troppo peso al risultato finale e da domani riprendiamo il nostro percorso di lavoro”

SALERNITANA (3-5-2): Micai (25′st Vannucchi); Pucino (25′st Kalombo), Billong (25′st Migliorini), Carrillo (25′st Gigliotti); Lombardi (25′st Cicerelli), Akpa Akpro (25′st Odjer), Di Tacchio (25′st Morrone), Maistro (25′st Castiglia), Kiyine (25′st Lopez); Jallow (25′st Calaiò), Giannetti (25′st Djuric). A disposizione: Russo, Orlando, Marino. All. Ventura

SAMB (4-2-3-1): Santurro (25′st Raccicchini); Rapisarda (1′st Gemignani), Biondi (1′st Zaffagnini), Miceli (1′st Di Pasquale), Trillò (1′st Marcantoni); Panaioli (1′st Piredda), Gelonese (1′st Brunetti); Volpicelli (23′st Fusco), Bove (1′st Garofalo); Zancocchia (1′st Rea); Di Massimo (1′st Petrini). Allenatore: Montero.

Arbitro: Guarnieri di Battipaglia.

Reti: 40’pt Giannetti (Sal), 19’st Kiyine su rigore (Sal), 22’st autogol Pucino (Samb), 34’st Odjer (Sal), 44’st Cicerelli (Sal).

Note: ammoniti Trillò (Sal) e Santurro (Sal).


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X