facebook rss

Crisi idrica, niente stop ai rubinetti
Si lotta contro siccità e sisma
ma la stagione turistica è salva

PICENO - Dopo i caldissimi mesi di giugno e luglio si entra nel momento clou caratterizzato dalla decrescita delle sorgenti. Dal 1 agosto verranno attivati tutti gli impianti di soccorso, con l'auspicio che il meteo dia una mano. Durante i periodi piovosi il consumo di acqua scende anche di 40 litri al secondo. Per quanto riguarda la chiusura dei rubinetti, si farà il punto ad ottobre

Dopo un giugno ed un luglio dalle alte temperature, eccoci nel periodo clou. A fronte di una situazione purtroppo già nota, con la sorgente di Foce di Montemonaco quasi del tutto compromessa dopo lo sconvolgimento delle falde causato dai terremoti, il Piceno si prepara ad affrontare il momento focale della stagione caratterizzato dalla decrescita delle sorgenti.

L’impianto di soccorso di Castel Trosino

Niente chiusure notturne, però. La Ciip ci tiene a ribadirlo. In un momento come questo, dove soprattutto in Riviera si vive il culmine dal punto di vista dell’affluenza turistica, un provvedimento del genere avrebbe provocato non pochi disagi, oltre che una mazzata all’intero settore dell’accoglienza. Da questo punto di vista, confermano sempre dalla Ciip, se ne riparlerà ad ottobre. Proprio come avviene di solito, infatti, quanto accade nei mesi estivi si riverbera ovviamente sul periodo tardo autunnale. L’anno scorso lo stop all’erogazione venne scongiurato e posticipato fino a che possibile, con la chiusura dei rubinetti nelle ore notturne che scattò nel mese di gennaio ed una situazione tornata poi alla normalità graduale qualche mese dopo. Questo anche grazie all’attivazione del nuovo impianto di soccorso di Castel Trosino, che in tal senso sta dando una grossa mano.
L’auspicio, in attesa di sviluppi sul fronte sorgenti e soprattutto in merito al nuovo acquedotto, è che Giove Pluvio dia una mano con le piogge e che il meteo allenti un po’ la morsa del caldo: sempre la Ciip conferma che nei periodi di pioggia i consumi di acqua diminuiscono anche di 40 litri al secondo. Un dato indicativo, che nel caso fosse necessario rafforza quanto già noto: visto il livello di allerta, con gli impianti di soccorso attivati dal 1 agosto, vanno assolutamente evitati gli sprechi di acqua e gli utilizzi non consentiti di quella potabile (innaffiare orti e giardini, cortili, lavare automezzi, pulire strade, marciapiedi, eccetera), che sono proibiti dalla legge e che verranno sanzionati ove riscontrati. Inoltre particolare attenzione va riservata alla manutenzione degli impianti privati ad autoclave (serbatoi e pompe) e, in caso di loro assenza, andrebbe valutata la possibilità di installazione e attivazione.

Lu. Ca.

Crisi idrica, la Ciip conferma il codice rosso

Stop ai disagi sul flusso idrico Inaugurato l’impianto di soccorso Giornata storica per la città (Tutte le foto)


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X