facebook rss

Fioravanti: «Dopo Bibbiano,
sì all’istituzione
della figura del Garante
per l’Infanzia e l’Adolescenza»

ASCOLI - Il sindaco: «E' un’idea che avevamo preso tempo fa, ma abbiamo deciso di accelerare i tempi soprattutto all’indomani dell’orribile e disgustosa vicenda di Bibbiano. Non possiamo permettere che bambini e ragazzi vengano sottratti alle loro famiglie attraverso frodi, menzogne e inganni»

Il sindaco Fioravanti

«Già pronta una bozza di regolamento comunale, presto in Commissione inizierà l’iter per l’istituzione». A darne notizia è il sindaco di Ascoli Marco Fioravanti. «Il Garante dei Diritti per l’Infanzia e l’Adolescenza è di un’idea che avevamo preso tempo fa – ha continuato – ma abbiamo deciso di accelerare i tempi soprattutto all’indomani dell’orribile e disgustosa vicenda di Bibbiano. Non possiamo permettere che bambini e ragazzi vengano sottratti alle loro famiglie attraverso frodi, menzogne e inganni».

Il regolamento è ancora solo una bozza, ma alcuni punti fondamentali sono già stati individuati: «Sarà scelto tra persone d’indiscusso prestigio e fama nel campo giudico, psicologico, pedagogico ed educativo, resterà in carica per tutta la durata del mandato amministrativo del sindaco e non potrà essere rinnovato più di una volta. Sarà un’autorità indipendente, che svolgerà la propria attività in piena libertà da istituzioni pubbliche e private».

La nuova figura del Garante dovrebbe occuparsi di: «Vigilare sull’applicazione della Convenzione Onu sui diritti del fanciullo e sulle norme adottate in materia di tutela dell’infanzia e dell’adolescenza, ma anche promuovere la conoscenza di tali diritti e la partecipazione e l’ascolto di bambini e ragazzi. Segnalerà infine all’autorità giudiziaria qualsiasi presunta violazione di diritti o qualsiasi forma di discriminazione verso i minori».

In un appello finale il sindaco chiede la collaborazione di tutti: «Mi auguro che tutti, a prescindere dai differenti orientamenti politici, accolgano con favore questa novità: bisogna necessariamente remare tutti nella stessa direzione quando c’è da difendere l’interesse dei più piccoli».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X