facebook rss

Miss Italia 2019, venerdì la finale
Quattro marchigiane in lizza
Per il Piceno c’è Simona Viola

BELLEZZA - A un anno dalla vittoria di Carlotta Maggiorana le Marche provano a riguadagnare lo scettro del concorso più noto del Bel Paese. Con la studentessa 19enne di Folignano ci sono Giulia Ciarlantini (Recanati), Gaia Foglini (Fermo) e Maria Gabrielli (Macerata)

di Walter Luzi

Le eredi di Carlotta. A Miss Italia sono quattro le ragazze marchigiane a difendere la corona di Carlotta Maggiorana, regina fermana dell’italica bellezza uscente. Due maceratesi, una fermana e un’ascolana tenteranno l’impresa di bissare lo storico exploit di Carlotta, arrivato, la scorsa edizione, dopo ben trentasette anni di attesa.

Simona Viola porta il Piceno a Miss Italia

Giulia Ciarlantini è la Miss Marche. Recanatese, 19 anni, fresca diplomata al Liceo Classico “Leopardi” ha usufruito di un giorno di permesso per poter sostenere, a Roma, il test di ammissione a Medicina. Un terno al lotto anche per una “secchiona” dichiarata con le passioni della danza e del pianoforte. Ha studiato un anno persino in California, dove ha potuto fare anche esperienza in campo giornalistico. E’ di Macerata anche Maria Gabrielli, ventiquattro anni, incoronata a Numana Miss Riviera Marche. Lei è una miss mamma e, dunque, ha un fan molto speciale, suo figlio. Gaia Foglini, Miss Sorriso Marche, invece è fermana. 19 anni, ballerina classica diplomata all’Accademia viennese, si è esibita anche alla Scala di Milano e sogna un luminoso futuro in questa arte.
Dal profondo sud della regione, Folignano, casa sua è infatti a pochi metri dal confine con l’Abruzzo, è approdata anche l’ascolana Simona Viola. Proclamata a Comunanza miss Cinema Marche, ha 19 anni e un passato da atleta di Ginnastica ritmica nella Sportlife. Uno sport al quale l’ha avviata la sorella maggiore Rosanna, già campionessa italiana, e che l’ha forgiata nel fisico e nel carattere. Al rientro dalle fatiche di Miss Italia frequenterà il quinto anno al Liceo delle Scienze Umane “Trebbiani” di Ascoli. Sempre nel capoluogo, in Comune, lavora la mamma Maria Franca, mentre il papà Mario è operaio. E’ molto orgogliosa di rappresentare la sua terra, così duramente colpita dal terremoto, ma di cui auspica una pronta rinascita, e sogna, grazie a Miss Italia, un futuro nel mondo dorato della moda.

Carlotta Maggiorana, vincitrice dell’edizione 2018

Le quattro miss marchigiane hanno superato brillantemente le pre-finali di Mestre e sono da qualche giorno a Jesolo. La località che subentrò a San Benedetto del Tronto come location delle pre-finali nel 2006. Polvere di stelle. Ma il concorso di bellezza più popolare del Bel Paese tornando in prima serata su Rai Uno in diretta dal PalaInvent di Jesolo (inizio alle 21,25 di venerdì 6 settembre) ha dimostrato, ancora una volta, di essere inaffondabile. Proprio come il suo patron Mimmo Del Moro, esclusivista con la P.A.I. del marchio Miss Italia per Marche e Abruzzo. Più forti, entrambi, dello scorrere delle primavere, del mutare delle mode e di ogni crisi. Un successo senza tempo per un fenomeno di costume, discutibile e discusso finché si vuole, ma amato, che non perde mai il suo fascino e il suo richiamo sul grande pubblico. Merito anche di personaggi come  Del Moro che nella sua lunghissima militanza a Miss Italia al fianco della famiglia Mirigliani, ha saputo dare lustro come pochissimi altri concittadini alla sua San Benedetto. Il patron vanta nel proprio personale palmares ben due corone nazionali: Tania Zamparo nel 2000 (una romana “adottata” nella formazione marchigiana) e Carlotta Maggiorana nel 2018. E lui non intende fermarsi qui. Non c’è due…..

Le altre marchigiane in lizza 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X