facebook rss

Discariche abusive come funghi,
è il momento delle “fototrappola”

ASCOLI - Gli sporcaccioni approfittano delle zone di periferia, come Bonifica e zona industriale. Servono interventi di pulizia e controlli

Rifiuti abbandonati davanti ai cancelli dello stabilimento ex Novico

Se i numeri della racconta differenziata ad Ascoli crescono oltre il 66%, altrettanto si può dire degli scellerati abbandoni dei rifiuti. Il problema è annoso e il trend è pericolosamente in ascesa. Basta farsi un giro nelle cosiddette zone di periferia per rendersi conto del corposo intervento di pulizia da portare a termine.

Dalla zona artigianale di Castagneti (periodicamente pulita, ma sempre a rischio abbandono) si scende nel tratto iniziale e centrale della strada provinciale Bonifica. Nei pressi dello svincolo per la zona industriale e l’allaccio all’Ascoli-mare spuntano sacchetti abbandonati, materassi ed ogni altro genere di rifiuto indifferenziato.

La sporcizia spunta anche più avanti, nei pressi dell’ingresso dell’ex stabilimento Novico, a poche centinaia di metri dal Picchio Village: a terra c’è di tutto, da rifiuti ingombranti ai sacchetti della spazzatura. Il primo passo è pulire, il secondo sorvegliare magari con l’ausilio delle cosiddette “fototrappola” che in passato hanno permesso di scovare diversi sporcaccioni.

Cla.Ro.

Abbandoni nel tratto iniziale della strada Bonifica


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X