facebook rss

Ascoli, micidiale macchina da gol:
18 in 6 partite
fra campionato e Coppa

SERIE B - E manca Scamacca che era il più in forma. L'olandese volante Da Cruz terzo fra i cannonieri della B con 3 reti. Esordio super di Leali: nel primo tempo ha tenuto a galla la squadra
domenica 22 Settembre 2019 - Ore 18:25
Print Friendly, PDF & Email

Da Cruz sta per scoccare il destro che finirà in porta: con la Juve Stabia due gol in fotocopia

di Bruno Ferretti

Tre gol a partita. È la media esatta, stratosferica, dell’Ascoli in questa prima fase della stagione, fra campionato e Coppa Italia. I bianconeri in 6 partite hanno realizzato 18 reti: 7 in Coppa (5 alla Pro Vercelli, 2 al Trapani) e 11 in campionato (3 al Trapani, 1 a Frosinone, 2 al Livorno, 5 a Castellammare). Una vera e propria macchina da gol che dopo la quarta giornata vede il Picchio come il migliore attacco della Serie B. E non dimentichiamo che l’Ascoli sta giocando senza Scamacca (infortunato) che era partito meglio di tutti. Vero é che Ardemagni e Da Cruz sono attaccanti di alto livello, e che i trequartisti Ninkovic e Chajia, oltre a indiscutibili doti tecniche, conoscono anche la strada per andare a colpire.

Il calcio di punizione di Pucino: 5° gol

L’Ascoli può permettersi il lusso – perché di lusso si tratta-  di tenere ai box una punta come Rosseti che sarebbe titolare in molte squadre cadette, e che non è ancora ai box uno come Beretta, non certo l’ultimo arrivato.

Nello squillante 1-5 di Castellammare, maturato nel corso di un secondo tempo stratosferico, non c’è solo il merito degli attaccanti ma di tutta la squadra nel suo complesso. Una particolare citazione merita indubbiamente il portiere Leali, autore di un esordio super in bianconero. Nei primi 45 minuti, quando l’Ascoli non sembrava… l’Ascoli, l’ex Perugia ha tenuto a galla la barca con l’aiuto di palo e traversa.

I bianconeri, bisogna riconoscerlo, in alcune situazioni sono stati aiutati dalla Dea bendata: un po’ di fortuna ci vuole sempre. Nel calcio come nella vita. Nel pro tempo la Juve Stabia ha giocato meglio, ha creato di più, ha avuto costantemente il pallino del gioco. Nella ripresa, però, la matricola campana é sparita dai radar. Svanita. Vaporizzata dopo l’uno-due dello scatenato Da Cruz che nelle ripartenze é veloce come un jet. L’olandese volante, nonostante i due turni di squalifica, è terzo nella classifica cannonieri con 3 reti insieme a Galano (Pescara), dietro Marconi (Pisa) primo con 5 e Iemmello (Perugia) con 4.
Martedì 24 settembre di nuovo in campo al “Del Duca” (ore 21) nel turno infrasettimanale contro lo Spezia. Avversario insidioso, da affrontare con molta attenzione.

La sequenza del gol segnato da Ardemagni dal dischetto


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X