facebook rss

Sequestra in un albergo e violenta
l’ex compagna: arrestato dopo la fuga

ANCONA - L'uomo, un anconetano di 39 anni, si era nascosto nell’abitazione di alcuni suoi conoscenti a Chiaravalle. Dove i Carabinieri lo hanno rintracciato e ammanettato. Schiaccianti le prove delle violenze fisiche subìte dalla donna e della scena immortalata dalle telecamere di un bar di Ancona

Segrega in un albergo di Ancona la ex compagna e la maltratta con violenze fisiche e verbali. I Carabinieri lo arrestano dopo una fuga. Per sottrarsi alla cattura il 39enne si era nascosto presso l’abitazione di alcuni suoi conoscenti a Chiaravalle (Ancona). Ora però deve rispondere di gravi accuse. I Carabinieri della Stazione Brecce Bianche di Ancona, in esecuzione di una misura cautelare disposta dal gip del Tribunale di Ancona, hanno arrestato l’anconetano B.S. per sequestro di persona, atti persecutori e lesioni aggravate nei confronti della sua ex compagna di 56 anni.

Secondo quanto appurato nel corso dell’attività investigativa, la relazione affettiva tra i due si incrinava a causa dell’atteggiamento ossessivamente geloso e persecutorio dell’indagato. A settembre, in occasione di un incontro chiarificatore e dopo un alterco per futili motivi, l’uomo aveva convinto la donna a recarsi in un hotel, nei pressi della stazione ferroviaria di Ancona, dove aveva posto in essere una escalation di azioni violente impedendole di allontanarsi dalla stanza dell’albergo per l’intera notte. Il giorno successivo la donna, approfittando di un momento di distrazione dell’uomo, era riuscita ad allontanarsi e raggiungere in autobus la propria abitazione. Soccorsa da alcuni suoi conoscenti, in stato di shock, è stata poi accompagnata all’ospedale di Torrette dove i medici hanno riscontrato le violenze subìte. La 56enne ha poi raccontato tutto ai Carabinieri i quali sono entrati anche in possesso delle immagini di una videocamera di sorveglianza di un bar di Ancona, dove si vedevano i “soprusi” commessi dall’uomo nei confronti della donna. Alla fine sono scattate le manette.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X