facebook rss

Camoscio appenninico,
terminato il censimento:
nuovi esemplari sul Monte Priora

IL PARCO DEI SIBILLINI ha reso noti i risultati dell'osservazione effettuata lo scorso 7 novembre. Sono stati avvistati 123 esemplari, su una stima totale di 180 presenti nell'intera area. Un numero importante dopo il rischio estinzione di qualche anno fa

Una stima totale di 180 camosci, di cui 123 avvistati. La bella notizia, poi, è che ci sono nuovi esemplari sul Monte Priora. Ma andiamo con ordine. Il Parco Nazionale dei Sibillini, dopo due tentativi andati a vuoto a causa della cattive condizioni meteo, è riuscito ad effettuare il censimento del camoscio appenninico lo scorso 7 novembre.
I risultati sono stati diffusi dallo stesso ente: 6 femmine e 1 maschio adulto già marcati, 41 adulti non marcati, 19 yearling (esemplari giovani che hanno almeno un anno di vita) di sesso indeterminato, 21 piccoli, di cui 5 nati tra i mesi di maggio e luglio 2019 e 35 esemplari indeterminati portano ad un numero minimo certo di 123, quando la stima sul totale si aggira intorno ai 180 camosci presenti nell’intera area del parco.

La bellezza del camoscio

Gli animali sono stati censiti principalmente nella zona del Monte Bove, ma l’elemento più significativo che emerge da quest’ultima osservazione è la conferma della presenza di un branco che gravita, dal periodo estivo appena trascorso, sul versante sud del Priora. Ai primi del ‘900 e durante la Seconda Guerra Mondiale, infatti, solo 30 erano gli esemplari rimasti e l’alto rischio estinzione della specie è stato scongiurato grazie alla reintroduzione di una trentina di ungulati avvenuta nel 2008 proprio nel Parco dei Sibillini.
I camosci, da sempre stanziati nella zona del massiccio del Monte Bove, la stessa del primo rilascio, oggi si sono dunque strutturati in branco anche al di fuori dell’area in questione. In particolare, tra il Pizzo del Berro e il Monte Priora ben 30 sono gli individui osservati, di cui 18 gravitano principalmente sul versante del Priora che si affaccia sulla Valle del Tenna.
«Proprio recentemente – ricorda il presidente del parco Andrea Spaterna– il Laboratorio di Biologia evolutiva dell’Università Politecnica delle Marche, coordinato dal professor Vincenzo Caputo Barucchi, effettuando la valutazione su un cranio sub-fossile ritrovato in una grotta alle pendici del Monte Vettore, ha indicato per il reperto un’età di circa 3.000 anni, dimostrando in modo inequivocabile che il camoscio era autoctono nei nostri territori. L’analisi del dna antico estratto da un frammento di osso ha inoltre svelato che l’esemplare era portatore di un genotipo che oggi non è più presente nella popolazione attuale, caratterizzata infatti da una bassissima variabilità genetica dovuta ai numerosi crolli demografici che l’hanno portata più volte vicinissima all’estinzione, cosa che oggi stiamo cercando di scongiurare».

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X