facebook rss

“Agorà”, nuova associazione
culturale dei giovani ascolani
(Video)

ASCOLI - Un gruppo di giovani ascolani, fra i 20 e i 30 anni, accomunati dal desiderio di promuovere la cultura in tutte le sue forme. Previsto un evento sulla figura di Costantino Rozzi per i 25 anni dalla scomparsa: ci saranno ospiti d'eccezione, fra cui Carletto Mazzone, rappresentanti dell'Ascoli, membri della famiglia Rozzi

L’associazione Agorà nasce ad Ascoli Piceno con l’obiettivo di promuovere la cultura in tutte le sue forme. Formata da giovani ragazzi, l’associazione si pone come promotrice di iniziative culturali, produzioni artistiche e organizzazione di eventi al servizio degli stessi associati e di tutta la città. La forza e l’originalità di tale progetto risiedono nella cooperazione tra i membri all’insegna della rivalutazione e condivisione della cultura sul territorio. “Il sapere è futuro, costruiamo insieme il nostro presente”.#agora #ascolipiceno #cultura

Pubblicato da Agorà su Sabato 30 novembre 2019

di Giorgio Tabani

«Il sapere è futuro». Questo lo slogan scelto dalla nuova associazione culturale “Agorà”. Un gruppo di giovani ascolani, fra i 20 e i 30 anni, accomunati dal desiderio di promuovere la cultura in tutte le sue forme. Nata a settembre, le attività sono ora pronte a partire. Seminari, convegni, produzioni artistiche ed eventi di ogni genere per gli stessi associati e tutta la città, tutto rigorosamente apartitico e apolitico.

Tutto parte di un gruppo di amici, fra cui il presidente Francesco Corimbi e il vicepresidente Andrea Traini, residenti in città ma in molti casi domiciliati altrove causa studi universitari. Insieme prendono coscienza della situazione cittadina, asfittica a livello culturale soprattutto per un target più giovanile. Ognuno di loro ha offerto idee e proposte utili a fondare una nuova stagione culturale in grado di guardare al futuro ma con solide radici nel passato.

Il primo evento sarà dedicato alla figura di Costantino Rozzi ed è programmato per il 20 dicembre. Presso l’Auditorium Carisap, con ospiti d’eccezione fra cui Carletto Mazzone, rappresentanti dell’Ascoli, membri della famiglia Rozzi, verranno commemorati i 25 anni dalla scomparsa. Al centro ci sarà soprattutto l’immagine meno nota, quella dell’imprenditore e del padre di famiglia. Seguiranno: presentazioni di libri, con particolare attenzioni agli autori locali; iniziative di sensibilizzazione dedicate alla disabilità; progetti di riqualificazione ambientale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X