facebook rss

L’Ascoli rivuole i playoff
Zanetti carica la squadra:
«Contro il Cittadella
dobbiamo cambiare marcia»

SERIE B - L'allenatore bianconero: «Abbiamo di fronte un avversario temibile, ma non ci sentiamo inferiori a nessuno. Vogliamo onorare l'anniversario di Rozzi, spiegherò ai giocatori chi era». Sono out Da Cruz, Pucino, Andreoni, Ferigra e Rosseti. Fra i 22 convocati anche i "primavera" Scorza e Matos. Al "Del Duca" arbitra Marini: fischio d'inizio alle ore 15. Le probabili formazioni. Veneti seguiti da 5 tifosi

Zanetti al “Picchio Village” a ventiquattr’ore da Ascoli-Cittadella

di Bruno Ferretti

Nell’abituale conferenza stampa della vigilia, svolta al “Picchio Village” dopo l’ultimo allenamento, mister Paolo Zanetti analizza il momento dell’Ascoli. «Nelle ultime due partite in trasferta abbiamo prodotto tanto e raccolto poco – dice il tecnico – mi dispiace perché meritavamo certamente di più. Abbiamo preso gol da calci piazzati e questo non mi piace. Dovevamo essere più attenti e su questo dobbiamo lavorare affinché non si ripeta. Adesso dobbiamo cambiare marcia, dobbiamo battere il Cittadella un’avversaria ostica, organizzata, che gioca bene».
Zanetti, ultimamente l’Ascoli non ha avuto molta fortuna….
«Non mi piace tirare in ballo la sfortuna. Abbiamo pagato a caro prezzo errori e distrazioni che si dovevano evitare. Ci è mancata cattiveria agonistica e la capacità di leggere meglio le fasi della partita. Al 93esimo più 40 secondi la partita deve finire. E invece abbiamo preso gol».
Contro il Cittadella confermerà il modulo 4-2-3-1 o tornerà al 4-3-1-2 ?
«Lo vedrete domani. Abbiamo non partita sui due moduli tattici che possiamo applicare indifferentemente in base alle caratteristiche dell’avversario o nel corso della stessa partita. Abbiamo giocatori che di sposano bene con questi moduli».
Contro il Cittadella l’Ascoli giocherà con i calzini rossi in omaggio all’ex presidente Costantino Rozzi. I calciatori sanno chi era?
«No perché sono giovani e non hanno conosciuto Rozzi, ma prima della partita spiegherò loro chi era Rozzi e cosa ha fatto per l’Ascoli. Un presidente mitico anche per il calcio italiano. Questa ricorrenza dovrà darci una ulteriore motivazione».
Zanetti, cosa teme di più in questa partita?
«Il Cittadella è un’ottima squadra e merita massimo rispetto ma l’Ascoli non di sente inferiore a nessun avversario. Finora abbiamo sbagliato una sola partita, a Crotone, e in parte a Verona contro il Chievo. Me ne assumo le responsabilità. In tutte le altre siamo stati bene in partita creando tante occasioni, ma abbiamo perso punti per disattenzioni che si potevano e si dovevano evitare».

Troiano in campo dall’inizio

FORMAZIONE: RIENTRA TROIANO? – Problemi di formazione nell’Ascoli causa infortuni. Sono out in cinque: Da Cruz, Pucino, Andreoni, Ferigra e Rosseti. Fra i 22 convocati anche Scorza e Matos, rispettivamente centrocampista e attaccante della Primavera. Probabile il ritorno al modulo 4-3-1-2 con Leali in porta, Padoin, Brosco, Gravillon e D’Elia sulla linea difensiva, Petrucci, Cavion e Troiano a centrocampo, Ninkovic mezza punta dietro Ardemagni e Scamacca.

LE PROBABILI FORMAZIONI

ASCOLI (4-3-1-2): Leali; Padoin, Brosco, Gravillon, D’Elia; Troiano, Petrucci, Cavion; Ninkovic; Ardemagni, Scamacca. A disposizione: Leali, Novi, Laverone, Valentini, Scorza, Brlek, Piccinocchi, Gerbo, Chajia, Beretta, Matos. Allenatore: Zanetti.
CITTADELLA (4-3-1-2): Paleari; Ghiringhelli, Adorni, Perticone, Benedetti; Vita, Iori, Branca; D’Urso; Diaw, Rosafio.
A disposizione: Maniero, Camigliano, Bussaglia, Frare, Mora, Proia, Gargiulo, Pavan, Panico, Celar, Luppi. Allenatore: Venturato.
Arbitro: Marini di Roma (assistenti Bircigli di Valdarno e Cangiano di Napoli, quarto ufficiale Angelucci di Foligno).
Stadio: “Del Duca”, sabato 14, ore 15.

In panchina anche il giovanissimo attaccante portoghese Matos


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X