facebook rss

Quintana, debutto ufficiale
per vecchi e nuovi caposestieri

ASCOLI - Il Consiglio degli Anziani, che si rinnova a gennaio, dà il benvenuto ufficiale ai sei nuovi responsabili, eletti dopo la recente chiamata alle urne. Tutti i comitati hanno intanto provveduto alle nomine delle cariche previste dallo statuto. I nuovi organigramma

L’attuale Consiglio degli Anziani: Giuseppe Traini, Massimo Massetti, Valeria Brunozzi, Cristiano Fioravanti, Fabrizio Gaspari

di Andrea Ferretti

Prima adunata per vecchi e nuovi caposestieri dopo le elezioni della Quintana che hanno formato i sei nuovi comitati di Sestiere. E’ in programma questa sera, lunedì 16 dicembre, nella sede della Quintana a Palazzo Arengo in occasione di un Consiglio degli Anziani che si riunisce anche per dare il benvenuto ai “piloti” della macchina quintanara e scambiarsi gli auguri di Natale e anno nuovo. Quest’ultimo si aprirà a gennaio con le elezioni di rettore e rappresentante dei Sestieri, ovvero due dei cinque elementi del Consiglio degli Anziani visto che gli altri tre, da statuto, li nomina (in questo caso li riconferma, come appare scontato) direttamente il Magnifico Messere, alias il sindaco Marco Fioravanti. E sono Massimo Massetti (presidente), Cristiano Fioravanti (vice presidente) e Valeria Brunozzi.

DI NUOVO AL VOTO – Rettore e rappresentante dei Sestieri uscenti sono rispettivamente Giuseppe Traini e Fabrizio Gaspari, che in passato sono stati caposestieri di Porta Maggiore e Porta Tufilla. Da “Radio Quintana” rimbalza che Traini passerebbe la mano, così come sono spuntati i nomi per il ruolo di rettore, e di rappresentante dei Sestieri nel caso Gaspari dovesse proseguire come eventuale rettore, di altri tre ex caposestieri: Pier Luigi Torquati (Porta Romana), Pierluigi Messidori (Piazzarola), Enrico Fiori (Sant’Emidio), più quello di Sergio Pompili, quintanaro doc di Porta Maggiore dove è un po’ il fac totum e fedele collaboratore del console Vitelli e del caposestiere Regnicoli. Al voto andranno i 78 componenti dei sei comitati. Per candidarsi rettore o rappresentante dei Sestieri – da statuto – non sono previsti requisiti specifici e alla fine sono gli stessi Sestieri a “benedire” eventuali candidature visto che saranno poi loro ad eleggerli.

LE PRESENTAZIONI – Tornando a stasera, intorno alla tavola rotonda – stesse fattezze di quella di Re Artù ma presieduta da Massimo Massetti – si ritroveranno i tre vecchi caposestieri che sono stati confermati dopo essersi presentati a capo di una lista unica: Mariangela Gasparrini (Sant’Emidio), Attilio Lattanzi (Porta Solestà) e Marco Regnicoli. Poi i tre nuovi eletti, di cui uno a capo di una lista unica (Luigi De Santis di Porta Romana) e due che l’hanno spuntata sul diretto avversario (Carlo Bartoli della Piazzarola e Matteo Silvestri di Porta Tufilla). Per questi ultimi due è anche tempo di presentazioni ufficiali. Per De Santis no perché, dopo aver fatto parte per anni del comitato di Porta Romana come consigliere, nell’ultimo quadriennio è stato uno degli addetti al Moro al Campo dei Giochi. Anagraficamente il più giovane è Silvestri, il più vecchio Bartoli. Vecchi e nuovi, veterani e giovani hanno comunque trascorso queste ultime due settimane a sfogliare la margherita degli incarichi, che in ogni Sestiere sono i più disparati. Oltre al caposestiere ce ne sono altri tre statutari mentre per gli addetti agli spiedini, o alla biglietteria oppure alla distribuzione della porchetta – incarichi sicuramente più complicati – c’è tempo.

I sei caposestieri. In alto da sinistra, in senso orario: Carlo Bartoli (Piazzarola), Marco Regnicoli (P.Maggiore), Luigi De Santis (P.Romana), Attilio Lattanzi (P.Solestà), Matteo Silvestri (P.Tufilla), Mariangela Gasparrini (S.Emidio)

I NUOVI ORGANIGRAMMA

PIAZZAROLA – Console Luigi Morganti, Caposestiere Carlo Bartoli, Vice caposestiere Stefano Spinozzi, Segretario Alessandro Curzi, Tesoriere Amedeo Lanciotti.

PORTA MAGGIORE – Console David Vitelli, Caposestiere Marco Regnicoli, Vice caposestiere Gianquinto Tulli, Segretario Riccardo Giantomassi, Tesoriere Fabio Amatucci.

PORTA ROMANA – Console Luigi Tulli, Caposestiere Luigi De Santis, Vice caposestiere Stefano Volponi, Segretario Valeria Marozzi, Tesoriere Francesco Giantomassi.

PORTA SOLESTA’ – Console Patrizio Zunica, Caposestiere Attilio Lattanzi, Vice caposestiere Emidio Alfonsi, Segretario Sara Forlini, Tesoriere Barbara Cambiaso.

PORTA TUFILLA – Console Francesco Mazzocchi, Caposestiere Matteo Silvestri, Vice Caposestiere Laura Melosso, Segretario Andrea Mazzocchi, Tesoriere Laura Cellini.

SANT’EMIDIO – Console Vittorio Crescenzi, Caposestiere Mariangela Gasparrini, Vice caposestiere Giancarlo Amadio, Segretario Stefania Trasatti, Tesoriere Alessandro Cipollini.

Il presidente del CdA Massetti con i consoli Tulli (P.Romana), Morganti (Piazzarola), Crescenzi (S.Emidio), Zunica (P.Solestà), Mazzocchi (P.Tufilla)

I CONSOLI – Da statuto l’incarico è a vita e pertanto restano in sella (pardon in testa al corteo) Luigi Tulli a Porta Romana, Patrizio Zunica a Porta Solestà, Vittorio Crescenzi a Sant’Emidio, Francesco Mazzocchi a Porta Tufilla, David Vitelli a Porta Maggiore e Luigi Morganti alla Piazzarola. Nel ruolo, il veterano è Tulli. L’ultimo che è stato eletto Morganti, che è anche il più anziano d’età.

David Vitelli, console di Porta Maggiore

LA CURIOSITA’ – A Porta Tufilla il nuovo comitato ha eletto vice caposestiere Laura Melosso, il candidato rossonero più votato di tutti, che faceva parte della lista sconfitta sul filo di lana, capeggiata da Giulio Nicoletti, che rappresentava “Tufilla Patria Nostra”. La dimostrazione che alla fine tutto si appiana e che la Quintana e Ascoli vengono al primo posto. Laura Melosso è la moglie di Giulio Nicoletti e anche la zia (sorella del padre Franco) di Lorenzo Melosso, cavaliere di Porta Romana.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X