facebook rss

La tragedia sull’Ascoli-mare
La città piange la scomparsa
della “prof” Zena Michettoni
La famiglia attende la restituzione
della salma per il funerale

ASCOLI - Ha destato grande commozione la morte dell'ex professoressa di lettere della media "Ceci". Avrebbe trascorso il Natale con i figli che vivono lontano da Ascoli. Era molto conosciuta e stimata, sempre attiva in occasioni di iniziative culturali. Familiari in attesa della restituzione della salma, che si trova all'obitorio dell'ospedale di San Benedetto, da parte dell'autorità giudiziaria. Sempre grave, al "Torrette" di Ancona, la 26enne di San Benedetto estratta da due automobilisti prima che la sua 500 prendesse fuoco. Le cause del sinistro sono al vaglio della Polizia Stradale. Riesplode il caso di una strada molto pericolosa, teatro di troppi incidenti, anche mortali

La professoressa Zena Michettoni

di Andrea Ferretti

Ha destato grande commozione ad Ascoli la scomparsa di Zena Michettoni, l’insegnante di 72 anni morta ieri, mercoledì 18 dicembre, dopo essere rimasta coinvolta nell’incidente stradale sull’Ascoli-mare tra gli svincoli di Spinetoli e Monsampolo del Tronto. La donna era alla guida della sua Fiat Punto che, per motivi che sono al vaglio della Polizia Stradale di Ascoli, è entrata in collisione con la Fiat 500 condotta dalla 26enne C.C. di San Benedetto. Dopo lo scontro, entrambe le donne sono rimaste intrappolate negli abitacoli. La 26enne è stata estratta da due automobilisti che nel frattempo si erano fermati dopo lo schianto. Il loro pronto intervento l’ha sottratta alle fiamme che, di lì a poco, si sono sviluppate dal vano motore dell’utilitaria. Zena Michettoni è stata invece estratta dai Vigili del fuoco che sono giunti da Ascoli. Le condizioni della conducente della 500 sono apparse subito molto gravi. Disperate, invece, quella della professoressa, per la quale i sanitari del 118 – giunti con due ambulanze – hanno deciso in un primo momento per il trasferimento (in eliambulanza) all’ospedale regionale “Torrette” di Ancona, ma poi hanno optato per un ricovero immediato nell’ospedale più vicino, cioè il “Madonna del Soccorso” di San Benedetto. Dove, purtroppo, la 72enne poco dopo ha cessato di vivere.

Il tratto della superstrada dove è avvenuto l’incidente mortale

Sul luogo dell’incidente, atterrando proprio in mezzo alla strada, è giunta la prima eliambulanza. Più tardi il secondo “Icaro”. Ad Ancona è stata però trasportata solo la ragazza ferita. Che si trova ancora ricoverata, in gravi condizioni e in attesa di essere sottoposta a intervento chirurgico, al “Trauma Center” del capoluogo regionale. L’Ascoli-mare è rimasta chiusa dal momento dell’incidente – erano crca le 11 – fino alle 14 quando è stata riaperta. L’uscita obbligatoria, allo svincolo di Spinetoli, per alcune ore ha dirottato tutto il flusso di veicoli proveniente da Ascoli sulle strade alternative Salaria e Bonifica. Le fiamme che si sono sprigonate dalla 500 sono state domate dai pompieri, che hanno poi provveduto a mettere in sicurezza entrambi i veicoli. Gli addetti del Soccorso Stradale e dell’Anas hanno quindi provveduto alla messa in  sicurezza delle due corsie, in direzione mare, dove c’erano rottami delle due auto sparsi per decine di metri e olio.

Il luogo della tragedia con la 500 ancora in fiamme

La professoressa, prima del pensionamento, aveva insegnato per anni lettere alla scuola media “Ceci” di Ascoli, dove tutti la ricordano e, affranti, ne piangono ora la scomparsa. Era una donna molto attiva e sempre interessata e vicina alle varie iniziative culturali organizzate ad Ascoli. Era vedova di Nazzareno Fioravanti, abitava in via delle Zeppelle ed aveva due figli che vivono entrambi lontano da Ascoli. Una tragedia, se possibile, ancora più grande perchè in prossimità delle festività. Che la famiglia aveva deciso, come sempre, di trascorrere riunendosi tutti insieme. La salma di Zena Michettoni si trova ancora all’obitorio dell’ospedale di San Benedetto, a disposizione dell’autorità giudiziaria, in attesa di essere riconsegnata ai figli per il funerale.

L’incidente è avvenuto a meno di un mese di distanza dal mortale sinistro che alle ore 9,40 dello scorso 29 novembre era costato la vita ai due camionisti Angelo Lucini, 39enne di Castignano, e Agron Bakaj, albanese di 48 anni residente a San Benedetto. La conferma, purtroppo, di come la superstrada Ascoli-mare sia a dir poco pericolosa e piena di insidie, teatro di numerosi incidenti. Avvengono tutti i giorni. Spesso sono fortunatamente di lieve entità, ma non mancano quelli con tragiche conseguenze come testimonia la dppia tragedia di questo scorcio finale del 2019. All’altezza dell’area di servizio, nei pressi dello svincolo Ascoli Est-Marino del Tronto, c’è un autovelox e il limite – su tutta la superstrada, se non diversamente segnalato – è di 130 km orari, trattandosi di “raccordo autostradale”. Le cause degli incidenti, nella quasi totalità dei casi, sono riconducibili all’alta velocità e a distrazioni di ogni sorta da parte di chi si trova alla guida di auto, camion, moto e scooter.

Tragedia sull’Ascoli-mare muore una donna di 72 anni, gravissima un’altra di 26 Nella collisione delle loro auto una ha preso fuoco


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X