facebook rss

“L’uovo di cavalla”, ultima fatica
di Antonio De Signoribus

CUPRA MARITTIMA - Nuova opera del filosofo e scrittore. L'antologia, che si compone di 65 racconti, è un viaggio nelle cultura popolare delle aree contadine del centro Italia con credenze, paure, sortilegi, imbrogli, incantamento e stupore tramandati dalla tradizione orale

Antonio De Signoribus

Nuova opera di Antonio De Signoribus, filosofo e scrittore di Cupra Marittima, nonchè uno dei massimi e appassionati studiosi nazionali di cultura orale. Si intitola “L’uovo di cavalla” (casa editrice Zefiro), un’antologia che si compone di ben 65 racconti, con un sottotitolo altrettanto intrigante: “Fiabe, leggende e storie bizzarre raccolte e riscritte”. Si tratta di un viaggio nella cultura popolare delle aree contadine del centro Italia, una esplorazione nel tempo e nello spazio di quel che la tradizione orale ci ha tramandato relativamente a credenze e paure, sortilegi ed imbrogli, incantamento e stupore.

Nell’introduzione al testo Allì Caracciolo, studiosa di storia del teatro, parla di “scrittura affabulante” a proposito dello stile di De Signoribus che, a suo dire, “istituisce una grammatica della riscrittura pienamente coerente, per aspetti formali, lingua, lessico, sintassi, con la narrazione orale e con gli antichi documenti scritti, ma proiettata in direzione della modernità”.

Il libro si articola in 7 capitoli, e i protagonisti di queste storie sono uomini e donne alternativamente fortunati o sfortunati, animali e spiriti irrequieti, streghe e giganti, tutto quel sottobosco di creature che subiscono la magia, o che riescono ad interpretarla in situazioni a volte drammatiche, altre volte ironiche e persino comiche.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X