facebook rss

Cade nel canale per l’irrigazione,
salvato un uomo a Campolungo:
ricoverato in Rianimazione

ASCOLI - Questa mattina nei pressi del "Villaggio del Fanciullo", nel canale dove scorre l'acqua per l'irrigazione. Ha dato in escandescenza uscendo dall'ambulanza, nel frattempo fermatasi, che da Castel di Lama lo stava trasportando in ospedale. In stato di ipotermia è ricoverato all'ospedale "Mazzoni". Intervenuti anche Vigili del fuoco e Carabinieri

Il luogo dove è avvenuto il fatto. Sul posto Carabinieri, Vigili del fuoco e ambulanze del 118

Un uomo è finito questa mattina nelle gelide acque di un canale a Campolungo. E’ accaduto non lontano dal “Villaggio del Fanciullo”, a pochi metri dalla vecchia Salaria, proprio alle porte della città. L’uomo, S.M. residente a Castel di Lama, sembra in preda a uno stato confusionale, è stato soccorso e sul posto dove sono subito giunte ambulanze del 118, squadre di Vigili del fuoco (compresa quella attrezzata con tecniche speleo-alpino-fluviali) con tre automezzi e i Carabinieri.

I soccorsi sono stati immediati per recuperarlo dal canale dove scorre l’acqua che viene usata per le irrigazioni delle campagne circostanti. Poi è stato affidato ai sanitari del 118 che gli hanno prestato le prime cure e trasportato poi all’ospedale “Mazzoni” di Ascoli. L’uomo si trovava dentro l’ambulanza, che da Castel di Lama lo stava trasportando in ospedale quando, per motivi che sono al vaglio dei Carabinieri della Stazione di Castel di Lama – intervenuti sul posto – ha dato in escandescenza e l’ambulanza è stata allora costretta a fermarsi all’altezza di Campolungo.

L’uomo, che nel frattempo aveva danneggiato l’interno del mezzo di soccorso, ha poi messo in atto il gesto. E’ stato inseguito e soccorso. Una volta “recuperato”, in stato di ipotermia alla fine è stato condotto al “Mazzoni” dove si trova ricoverato nel reparto di Rianimazione. Le sue condizioni sono gravi, ma non corre pericolo di vita.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X