facebook rss

Dal sindacato Usb appello
al prossimo Governo regionale:
«Nell’Ascolano la crisi vera
sta arrivando solo adesso»

ASCOLI - Il coordinatore marchigiano: «Occorre da subito un nuova politica di sviluppo produttivo e industriale di lungo periodo, e non provvedimenti provvisori che non risolvono la situazione disarmante attuale»

Andrea Quaglietti

«Il prossimo Governo regionale, di qualunque colore politico, deve mettere al primo posto la lotta alla disoccupazione e alla povertà dilagante, in particolare nell’Ascolano e nel Fermano». Lo afferma il coordinatore marchigiano dell’Unione sindacale di base, l’ascolano Andrea Quaglietti.

«Nel Fermano la crisi vera sta arrivando solo adesso, e molti dovranno prepararsi ad effetti molto pesanti. Nell’Ascolano invece – sostiene Quaglietti – il declino industriale è iniziato ormai da oltre dieci anni, e le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti : decine di migliaia di senza lavoro, per lo più espulsi dalle fabbriche chiuse e delle aziende di servizi e del commercio senza ricavi, e una diminuzione del reddito che non farà che deprimere ancora i consumi locali».

Per l’Usb il Governo regionale che verrà, dopo le elezioni di primavera, dovrà impegnarsi prioritariamente in questa direzione ma «senza fare promesse o annunci ai quali non segue nulla o quasi. Occorre da subito un nuova politica di sviluppo produttivo e industriale di lungo periodo – spiega Quaglietti – e non provvedimenti provvisori che non risolvono la situazione disarmante attuale. Solo in questo modo si potrà arginare la crisi sociale che è in atto da anni, ad Ascoli, nel Piceno e sempre di più anche nel Fermano».

L’Usb si impegna, presso i suoi uffici, ad assistere tutti i disoccupati e le famiglie in grande difficoltà per la mancanza di lavoro e reddito. Info: 349.4103507.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X