facebook rss

Soprintendenza ad Ascoli:
a Fermo l’invito ai sindaci
ad impugnare il provvedimento

FERMO - Lo ha rivolto il consigliere regionale Fabrizio Cesetti attraverso "Radio Fermo 1". «Tanto valeva restare a monte con Ancona, ed è quello che faremo. Ora attendiamo l'atto del Dicastero firmato da Franceschini»

di Paolo Gaudenzi

“Ero intervenuto prima di Natale nel merito dell’assegnazione della Soprintendeza, ed a Roma conoscevano le necessità delle provincie coinvolte. Bisognava insediare la sede al centro della popolazione servita dall’ufficio. Se questo non avveniva, per come è accaduto, tanto valeva restare a monte con Ancona, ed è quello che si farà: restiamo con Ancona”. 

Non utilizza mezzi termini il consigliere regionale Fabrizio Cesetti (foto), intervistato telefonicamente stamane da Radio Fermo 1 da parte di Paolo Paoletti nel merito dell’assegnazione della sede della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Fermo, Ascoli Piceno e Macerata finita ieri ad Ascoli.

Cesetti incalza: «Ora attendiamo il provvedimento del Ministro per conoscere le motivazioni contenute nell’atto, che non potranno di certo basarsi solo tu tecnicismi giuridici e cavilli burocratici. Carte alla mano, lancio quindi un appello ai sindaci delle città riconducibili alle province di Fermo e Macerata: di impugnare tale provvedimento. Fin da subito Ascoli  è  stato al vertice delle logiche del capo del dicastero competente – il congedo del consigliere regionale – legittimo, ma tale ipotesi non andava sbandierata come un’opportunità. Rispetto alla Marche del sud Fermo è oggettivamente baricentrica tra Macerata e lo stesso Piceno. Non si tratta di una delusione, si tratta di un atto di scorrettezza da parte del ministro Dario Franceschini».

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X