facebook rss

Il caso dei tricolori e dei fasci littori,
Aloisa Merciai: “Il sindaco Fioravanti
non ritiene di condannare il gesto?”

ASCOLI - Sulla vicenda delle bandiere esposte in corso Mazzini dall'avvocato Natali, interviene la segretaria del Circolo del Pd "sezione 3 ottobre 1943" rivolgendosi al primo cittadino e ricordando anche la "cena fascista" di Acquasanta
Sulla vicenda delle bandiere tricolori dell’Italia, corredate da fascio littorio ed esposte ad Ascoli dalle finestre dello studio di corso Mazzini dall’avvocato Giulio Natali, dopo “Italia Viva” interviene anche il Circolo del Partito Democratico “sezione 3 ottobre 1943” di Ascoli. Lo fa con la sua segretaria Aloisa Merciai.

Aloisa Merciai

«Quassù più vicino a Dio per la libertà di tutti gli Italiani i patrioti ascolani nelle epiche giornate 3, 4 e 5 ottobre 1943 calpestando il tradimento dei nazifascisti per primi iniziarono la lotta partigiana; eroi purissimi col sangue scrissero il loro nome nella storia del mondo libero. Sono le parole incise nella pietra del monumento dedicato a quei 35 valorosi che caddero tra il settembre e l’ottobre del 1943 sul pianoro del Colle San Marco. Settantasette anni fa gli ascolani scelsero la libertà e pagarono un alto tributo di sangue.

Al termine della guerra – dice la Merciai – i Caduti nelle file dei partigiani furono 278 e il loro sacrificio lo ritroviamo anche nella medaglia d’oro al valor militare per attività partigiana di cui è stata insignita la Provincia di Ascoli».

Il pieghevole presente sui tavoli del ristorante di Acquasanta durante la “cena fascista”

E aggiunge: «Eppure, questo sacrificio è stato inutile. A distanza di tanti anni, nel silenzio delle istituzioni e delle coscienze, Ascoli sta vivendo una delle pagine più buie dal dopoguerra ad oggi. Non bastava la cena in memoria di Benito Mussolini con la partecipazione del sindaco Fioravanti, non bastavano le croci celtiche allo stadio, non bastavano le immagini nostalgiche nei bar e nelle barbierie. Ora si espongono bandiere di Salò alle finestre della casa di un ex consigliere comunale, assessore e consigliere regionale. Il tutto nella più assoluta indifferenza. Ascoli non può restare indifferente. Inutile chiedere al sindaco un suo intervento che condanni il gesto. Inutile chiederlo alla sua giunta, che pure annovera figure provenienti dalla sinistra. La Prefettura ha ingiunto di rimuovere i drappi. Ma lei, signor sindaco – conclude – quale rappresentante di una comunità che da 77 anni onora i caduti del San Marco, non ritiene di dover condannare questo gesto?».

https://www.cronachepicene.it/2020/01/18/il-fascio-sventola-dalle-finestre-natali-si-difende-li-da-anni-rappresenta-unidea-italia-viva-intervenga-il-sindaco/180517/

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X