facebook rss

Il ds Tesoro: «L’Ascoli
non è in difficoltà economica,
e paga tutti gli stipendi»

SERIE B - Singolare intervento del direttore sportivo bianconero dopo l'esonero di Zanetti e dopo le affermazioni ai tifosi: «La società ha la possibilità di investire sul mercato di gennaio»

Il dg Gianni Lovato, Paolo Zanetti e il ds Antonio Tesoro la scorsa estate al “Del Duca”: momenti felici (Foto Edo)

Il ds Tesoro, considerato da molti tifosi fra i principali responsabili del crollo Ascoli, é intervenuto attraverso il sito dell’Ascoli Calcio per precisare il senso delle sue dichiarazioni ai tifosi che lo hanno duramente contestato nel dopopartita.
«Ho detto che l’Ascoli non è una società che può permettersi di acquistare i cartellini di calciatori del calibro di Scamacca, Gravillon o Ranieri, cartellini del valore anche di dieci milioni di euro o forse più – ha dichiarato Tesoro – ma questo non significa affatto che la Società sia in difficoltà economica o che non abbia soldi da investire nel mercato di gennaio. L’Ascoli paga regolarmente stipendi e contributi a tesserati e dipendenti, quindi invito tutti a ponderare bene e correttamente ogni esternazione senza farsi travolgere dagli eventi».

Si chiude qui l’intervento del diesse. «… ponderare bene e correttamente ogni esternazione…» è un concetto assolutamente condivisibile per non dire doveroso, ma… vale anche per Tesoro.

Bru.Fer.

Ascoli e Zanetti: è divorzio! Pillon è il primo candidato Aglietti e Stellone le alternative


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X