facebook rss

“Lu miedeche de li matte”,
Filarmonici sold out
per Gente Nostra

ASCOLI - L'adattamento in dialetto ascolano del classico di Eduardo Scarpetta torna sul palco il 31 gennaio grazie alla compagnia che schiera mostri sacri come Zè Vagni e Carmelita Galiè. Adattamento di Mirko Loreti e regia di Andrea Flaiani. In scena anche i baby attori

Gente Nostra sul palco

La compagnia teatrale Gente Nostra torna sul palco con “Lu miedeche de li matte”, traduzione ed adattamento in lingua ascolana della celebre opera teatrale “O miedeco d’e pazze” scritta in napoletano da Eduardo Scarpetta nel 1908. Il passaggio al dialetto ascolano è stato curato da Mirko Loreti. Anche se scritta oltre cento anni fa, la commedia appare più che mai attuale e perfettamente adeguata al contesto.
Sotto la regia di Andrea Flaiani, verrà rappresentata venerdì 31 gennaio alle 21 al teatro Filarmonici, al terzo sold out consecutivo, dopo quelli dello scorso novembre scorso al PalaFolli. Ad interpretare i vari personaggi della farsa ci sono “attori storici”, da sempre protagonisti del teatro dialettale e del carnevale ascolano, tra cui Zè Vagni e Carmelita Galiè.
Per gli altri personaggi la compagnia porterà sul palco gli esordienti Claudio Flaiani, Lorenzo Loreti (9 anni), Flavia Della Posta (8 anni) e Sara Loreti (11 anni). Gli altri personaggi saranno interpretati da Franco Luzi, Claudio Tempera, Mirko Loreti, Pietro Trasatti, Piergiorgio Longo, Giorgio Trasatti, Susanna Ballatori, Vincenzo Della Posta, Milena Damiani, Patrizia Loreti, Alfredo De Marco e Cinzia Ciannavei.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X