facebook rss

Operazione “Easy Muscles”
Smantellata un’organizzazione
che commerciava prodotti
e farmaci dopanti: 55 perquisizioni
in 14 regioni e 30 province
Nei guai decine di persone

ASCOLI - Le indagini sono durate due anni, avviate nel 2018 quando i mlitari dell'Arma di Villa Pigna fecero degli accertamenti su un uomo residente a Folignano, sospettato di svolgere attività di commercio illecito di sostanze stupefacenti. Coordinata dalla Procura della Repubblica di Ascoli, l'operazione ha portato a scoperchiare una organizzazione ramificata su tutto il territorio nazionale, che vendeva online i prodotti vietati provcenenti dall'Est Europa. Passati al setaccio decine di conti correnti e sequestrate migliaia di confezioni di farmaci. Coinvolti molti atleti e frequentatori di palestre. Giro d'affari di oltre mezzo milione di euro all'anno

I Carabinieri con alcuni dei medicinali sequestrati

di Andrea Ferretti

Tutto è partito circa due anni fa, nel 2018, quando i Carabinieri della Stazione di Villa Pigna di Folignano fecero degli accertamenti su un uomo residente nel Comune di Folignano sospettato di svolgere una attività di commercio illecito di sostanze dopanti. Poi la rete dei Carabinieri del Comando provinciale di Ascoli si è allargata. Le indagini sono state lunghe, minuziose e anche complicate. Ma alla fine i militari dell’Arma, insieme ai colleghi del Nucleo antisofisticazioni e sanità (Nas) di Ancona, coordinati dalla Procura della Repubblica di Ascoli, titolare dell’inchiesta, sono riusciti a disarticolare una organizzazione dedita appunto al commercio, e quindi all’utilizzo e alla somministrazione di farmaci e altre sostanze in grado di alterare le prestazioni agonistche degli atleti. In una sola parola: dopanti. Non solo, ma tra i reati è configurato anche quello di “vendita di medicinali al pubblico a distanza mediante i servizi della società dell’informazione senza autorizzazione”. Tradotto: vendite online.

Ecco allora che l’indagine dei Carabinieri si è allargata a macchia d’olio coinvolgendo ben 14 regioni e 30 province italiane. Alla fine sono state individuate decine di persone – anche atleti di varie discipline sportive e frequentatori di palestre – che acquistavano e commercializzavano farmaci dopanti importati da Paesi dell’Est Europa come Bulgaria e Polonia. Gli investigatori dell’Arma hanno potuto ricostruire i ruoli e le funzioni di tutti gli indagati i quali avevano messo su una vera e propria struttura reticolare proponendo, tramite i social, ingenti quantitativi di farmaci a effetto dopante sia a consumatori che a rivenditori al dettaglio.

Non solo, ma attraverso l’analisi di conti correnti, hanno appurato anche diverse transazioni avvenute sulle carte di pagamento e le relative spedizioni postali, per un giro d’affari stimato in oltre mezzo milione di euro all’anno. Sono venute fuori anche ricette mediche falsificate che alcuni degli indagati utilizzavano per acquistare ulteriori prodotti provenienti dal cosiddetto circuito regolare nazionale.

Sono state effettuate ben 55 perquisizioni, disposte dalla Procura, oltre che nella provincia di Ascoli, anche in quella di Pesaro Urbino (per restare nelle Marche), e in quelle di Bari, Barletta-Andria-Trani , Brescia, Cagliari, Cremona, Ferrara, Foggia, Latina,  Lodi, Lucca,  Massa Carrara, Messina,  Milano, Padova,  Parma,  Perugia, Reggio Calabria, Roma,  Savona, Siracusa, Taranto, Terni, Torino, Trapani, Treviso, Trieste, Varese e Viterbo). Risultato? Sequestrate migliaia di confezioni di farmaci ad effetto dopante, come nandrolone, testosterone, ormone della crescita e steroidi anabolizzanti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X