facebook rss

Il teatro tra i detenuti,
al via il meritorio progetto

ASCOLI - Da febbraio a giugno l'arte riscopre le sue finalità rieducative grazie all'iniziativa di associazione Betania in collaborazione con la Caritas Diocesana e la Casa Circondariale Marino del Tronto, dove si terrà. Il supporto della Fondazione Carisap. Attività affidata al Teatro delle Foglie

Da febbraio a giugno, una volta alla settimana, ecco l’iniziativa (meritoria) che porta l’arte teatrale tra i detenuti. Promosso dall’associazione Betania in collaborazione con la Caritas Diocesana, la Casa Circondariale Marino del Tronto e realizzato insieme alla Fondazione Carisap, il progetto ha finalità sociali alte di livello rieducativo, comunicativo e artistico.

Incaricato di svolgere in maniera professionale l’attività prevista è il Teatro delle Foglie di Ascoli, che presenta un’esperienza pluridecennale nel campo del teatro sociale. Tra i principi cardine, infatti, vi è il recupero e il reinserimento sociale delle persone detenute attraverso esperienze teatrali volte a favorire la tutela del diritto alla salute intesa come benessere fisico, psichico e sociale ma anche il riconoscimento della dignità artistica, culturale e trattamentale dell’attività teatrale in carcere e della sua importante funzione di collegamento con la società, come da dettami del Ministero della Giustizia.
Il teatro in carcere vuole gettare un ponte fra il “dentro” e il “fuori” degli istituti di pena, praticando l’idea di un’arte al servizio delle comunità, un servizio pubblico da svolgere con autonomia e libertà creativa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X