facebook rss

L’Ascoli a La Spezia cerca l’exploit
per la classifica e per spezzare un tabù

SERIE B - Vincendo il recupero con la Cremonese (3-2) i liguri balzano al secondo posto. Precedenti deludenti al "Picco" : 3 pareggi e 4 sconfitte. Pillon a Cosenza

di Bruno Ferretti

La vittoria (3-2) dello Spezia sulla Cremonese nella partita di recupero conferma due verità. In primi la forza dei liguri che agganciano Crotone e Frosinone al secondo posto, con 37 punti. E la crisi ormai irriversibile della Cremonese che resta quart’ultima 23: se il campionato finisse oggi la Cremonese dovrebbe disputare lo spareggio playout con il Venezia. Lo Spezia, invece, ha centrato l’undicesimo risultato utile consecutivo in rimonta e si candida per la promozione diretta in Serie A con il Benevento. Per i liguri gol di Maggiore, Di Gaudio e Nzola.

Il gol di Ninkovic nel match di andata

E sabato prossimo sarà l’Ascoli ad affrontare lo Spezia allo stadio “Picco” dove in passato non ha mai vinto (4 sconfitte, 3 pareggi). I bianconeri di Stellone dovranno cercare un exploit per la classifica e anche per sfatare il tabù. All’andata l’Ascoli si è imposto 3-0 al termine di quella che molti considerano la miglior prestazione stagionale: reti di Ninkovic su rigore, Da Cruz e Ardemagni.
COSENZA: PILLON IN PANCHINA
Bepi Pillon é il nuovo allenatore del Cosenza. Prende il posto di Piero Braglia esonerato dopo la sconfitta in casa con il Benevento. Il Cosenza in classifica è terz’ultimo con 20 punti. Pillon (64 anni) ha battuto la concorrenza di altri candidati come Aglietti, Bisoli, Calori e Zenga. Ha firmato un contratto fino a giugno, automaticamente rinnovato in caso di salvezza. “La squadra è valida, possiamo salvarci” ha dichiarato Pillon appena arrivato a Cosenza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X