facebook rss

“Il tempo parallelo”,
Carlo Traini parla di fotografia

GROTTAMMARE - Nuova tappa del percorso "Cinelocomozioni" dell'associazione Blow Up. Appuntamento il 5 marzo alla Casa delle Associazioni dopo la pausa dovuta al Coronavirus

Il 5 marzo alle 21,15, presso la Casa delle Associazioni riprende la stagione dell’associazione Blow Up intitolata “Cinelocomozioni” e dedicata al viaggio. Dopo la pausa carnevalesca e la sospensione causa Coronavirus ecco la 18esima tappa del percorso con una serata di approfondimento di grande valore: la conferenza di Carlo Traini dedicata al movimento nella fotografia e intitolata “Il tempo parallelo”.

Il “movimento” è, probabilmente, la propensione più coinvolgente e affascinante delle arti plastiche dell’ultimo secolo. Durante l’incontro Traini tenterà di guidare tutti in una indagine alla ricerca del movimento nell’arte, dalle origini della sua rappresentazione nella scultura fin dentro la visione “meccanica” della fotografia, (che già dai suoi albori ha influenzato la pittura), per arrivare fino alle sinergie foto-video negli audiovisivi del nuovo millennio. Si parlerà del movimento nella fotografia, dall’invenzione del cronofotografo, attraverso la visione “congelante” di Muybridge, per poi prefigurare una sorta di “Tempo parallelo” teorizzato cento anni fa nei primi esperimenti di Anton Giulio Bragaglia col Fotodinamismo futurista; si arriverà alla più recente sua reinterpretazione nella visione più poetica di artisti italiani della seconda metà del ‘900, che si sono distinti nella loro personale ricerca di un qualcosa che si muove nei frammenti quotidiani della vita, a prescindere dal nostro agire o meno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X