facebook rss

Il Coronavirus ferma anche il calcio,
Ascoli-Chievo forse a porte chiuse

SERIE B - Dopo la nuova ordinanza della Regione Marche, la società bianconera farà un estremo tentativo con la Prefettura di Ascoli per cercare di disputare la gara (in programma mercoledì 4 marzo alle ore 18,50) a porte chiuse

Il Coronavirus blocca ancora una volta il calcio. Ascoli-Chievo, stando alla nuova ordinanza della Regione Marche, mercoledì 4 marzo (ore 18,50) non dovrebbe giocarsi in quanto manifestazione pubblica. Ma c’è l’eventualità che la gara venga disputata a porte chiuse. La decisione è rinviata a domani mattina, quando la società bianconera farà un ultimo tentativo con la Prefettura di Ascoli.

L’Ascoli deve già recuperare la partita con la Cremonese, rinviata per lo stesso motivo. Se si dovesse giocare, Ascoli-Chievo sarebbe la la gara d’esordio per Alfredo Aglietti, ex allenatore dell’Ascoli, sulla panchina dei veneti dove da pochi giorni ha preso il posto dell’esonerato Marcolini. Gli anticipi dell’ottava di ritorno si giocano regolarmente, tranne Cremonese-Empoli a porte chiuse.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X