facebook rss

Porte chiuse anche tra i Dilettanti?
Al vaglio una nuova
calendarizzazione dei campionati

CALCIO - I campionati dilettantistici marchigiani saranno ancora fermi nel fine settimana. La Lega Nazionale Dilettanti ha dato il via libera ai Comitati Regionali per una nuova calendarizzazione con l'aggiunta di turni infrasettimanali. Dopo le disposizioni del Governo, inoltre, c'è apertura per una ripresa dell'attività agonistica a porte chiuse

di Salvatore Mastropietro

Gli effetti del Covid-19 e delle ordinanze nazionali e regionali si stanno facendo sentire fortemente anche nel mondo del calcio dilettantistico marchigiano. Dopo il rinvio delle gare programmate nello scorso weekend, anche in questo fine settimana il Comitato Regionale della Figc ha preso la medesima decisione.

La confusione e l’incertezza regnano sovrane, ma in mattinata qualche indicazione in più è arrivata dalla Lega Nazionale Dilettanti. Particolare premura dell’organizzazione è riuscire ad assicurare il termine regolare delle diverse competizioni entro il 30 giugno 2020. Proprio per questo, nella speranza di un progressivo riavvicinamento alla normalità, è stato dato il via libera alle strutture regionali per lo studio di una nuova calendarizzazione del campionato di Eccellenza. In particolare, è stata consigliata l’aggiunta di una serie di turni infrasettimanali. La decisione in questo caso mirerebbe a salvaguardare la disputa delle fasi nazionali programmate dal 31 maggio al 14 giugno. Per quanto riguarda il resto delle categorie, invece, tutto verrà deciso autonomamente dai comitati regionali.

Paolo Cellini

Un’ipotesi che prende sempre più corpo è quella di sposare la stessa misura adottata dai campionati professionistici, vale a dire la disputa di partite a porte chiuse per un determinato periodo di tempo. D’altronde, le disposizioni diffuse ieri dal decreto del Consiglio dei ministri parlano chiaro: «Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato; resta comunque consentito lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento degli atleti agonisti, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico». Il presidente del Comitato Regionale marchigiano, Paolo Cellini, ha già aperto a questa possibile decisione, ma si attenderanno altre indicazioni in merito nei prossimi giorni.

In una situazione particolare come questa, anche alle squadre picene non resta che attendere. In base alle attuali informazioni, la ripresa dei campionati resta attualmente fissata al prossimo weekend (14-15 marzo). Le prime compagini a tornare in campo, però, potrebbero essere quelle impegnate nelle fasi regionali di Coppa Marche. Atletico Ascoli-Chiesanuova, semifinale di ritorno della Coppa Italia Promozione, è stata calendarizzata per mercoledì prossimo 11 marzo alle ore 20. Stessa data anche per Montottone Grottese-Monteprandone di Seconda Categoria.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X