facebook rss

Unimc, lezioni online in diretta
«Studenti contenti e soddisfatti»

CORONAVIRUS - L'Ateneo macaretese ha testato una nuova piattaforma per la didattica a distanza con 140 ragazzi collegati

Il professor Pier Giuseppe Rossi

Lezione on line in diretta per 140 studenti a Unimc. L’Università di Macerata ha sperimentato oggi l’utilizzo di un nuovo servizio che andrà ad integrare i sistemi di didattica on line già attivi, visto che la platea potenziale degli utenti è notevolmente aumentata. Si tratta di “Microsoft Teams”, una piattaforma pensata per la comunicazione di gruppi molto numerosi e, quindi, utile per la didattica, perché permette, tra le altre cose, di organizzare lezioni in diretta streaming con classi virtuali composte anche da 250 studenti.

Il docente può condividere le proprie slide e parlare a tutti. Gli studenti possono intervenire tramite chat e a voce. A testare il nuovo strumento è stato il delegato del rettore all’informatica Pier Giuseppe Rossi con il suo corso di didattica generale. «Il test è stato superato – dichiara – alla fine della lezione, ho chiesto ai ragazzi come era andata. Erano contenti e soddisfatti. Chi non era presente, potrà comunque accedere e vedere la lezione registrata attraverso le nostre piattaforme per la didattica on line. Abbiamo anche diffuso un manuale per docenti e studenti per accedere al servizio». Ad oggi sono già on line una media di cinquanta insegnamenti per ogni Dipartimento.

Nel giro di poco tempo Unimc ha dovuto riconvertire on line gli insegnamenti di 28 corsi di laurea, potenziando la propria piattaforma di e-learning, originariamente predisposta per un numero di utenti molto minore rispetto alle attuali esigenze. Da domani sarà raddoppiata la potenzialità dello strumento, in modo da ridurre i tempi di accesso, e verranno indicate istruzioni dettagliate per una più agevole fruizione dei materiali on line. Il Centro di Ateneo per l’Informatica sta lavorando per trovare le soluzioni migliori e per contenere gli inevitabili disagi che una così rapida riconversione delle infrastrutture può comportare.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X