facebook rss

Il teatro si può fare da casa,
ecco l’iniziativa di Grottammare

EMERGENZA CORONAVIRUS - La proposta del sindaco Piergallini «per rimanere accesi in un momento in cui rischiamo di spegnerci». Le performance degli artisti finiranno sui social. Il Comune iintanto chiude parchi e giardini e prepara gli interventi igienizzanti

Enrico Piergallini, sindaco di Grottammare

Dal teatro a casa, via social. E’ la proposta del sindaco Enrico Piergallini, che invita gli artisti a partecipare a una campagna di comunicazione culturale, in linea con il più recente decreto “Io resto a casa”: «Sulla pagina Facebook Città di Grottammare – dice il sindaco – posteremo i contributi di tutti coloro che hanno accettato di aderire». L’intenzione è di pubblicare contributi culturali in video sul noto social Facebook. Brevi performance da circa un quarto d’ora realizzate dagli artisti e dai personaggi del mondo della cultura.

«Occorre una boccata d’aria culturale per mantenere la normalità in questa emergenza – dichiara Piergallini – la serrata della nazione è iniziata proprio annullando tutte le attività culturali, ricreative e di intrattenimento organizzate sul territorio. È triste vedere i nostri spazi culturali chiusi e spenti da giorni. Non si spengono però le voci degli artisti. Le loro parole, i loro talenti possono raggiungerci anche da lontano. Se i teatri e i luoghi di cultura restano chiusi, l’arte ci raggiungerà a casa. Anzi: le nostre case diventeranno i teatri della città. Agli artisti abbiamo chiesto e chiediamo un contributo video di 10-15 minuti da condividere con noi: la recitazione di una poesia, una performance teatrale, un’esibizione musicale, un racconto, qualunque cosa serva ad accenderci in questo momento in cui rischiamo di spegnerci».

All’invito rivolto agli esponenti della cultura, Piergallini unisce l’appello a sostenere la campagna con suggerimenti e proposte, che potranno essere inviati a cultura@comune.grottammare.ap.it. Nel frattempo in città saranno portati avanti interventi igienizzanti nelle ore notturne tra domenica e lunedì. Il prodotto usato è attestato senza rischi per l’ambiente. L’operazione verrà ripetuta nelle settimane successive. L’Ecosportello modifica nuovamente il giorno di apertura che è fissato a mercoledì (ore 10-12) e non più a sabato. Non cambiano, tuttavia, le regole di accesso per gli utenti che non possono rinviare la visita allo sportello: ingresso all’interno dell’ufficio consentito ad una sola persona per volta e distanze.

Anche il Comune di Grottammare ha deciso la chiusura di parchi e giardini e della ricicleria comunale.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X