facebook rss

L’ex Milanovic: «Ascoli merita
la Serie A, tifosi super,
magnifica la curva sud»

CALCIO - Il difensore serbo ora gioca in Slovenia. Conserva un ottimo ricordo della stagione trascorsa in bianconero e della città. La prima delle sue due figlie è nata ad Ascoli
Print Friendly, PDF & Email

Milanovic e la sua famiglia: la moglie Bojana e le figlie Andjela e Mila

di Bruno Ferretti

Milan Milanovic, difensore centrale serbo di ben 194 centimetri, ha giocato nell’Ascoli di Bellini edizione 2015-2016 sotto la guida di Petrone prima e Mangia dopo. É stata forse la migliore delle sue otto stagioni in Italia, con 34 partite e un gol. In bianconero Milan ha disputato un’ottima stagione. Giunto in prestito dal Palermo, nel successivo campionato Milanovic passò al Pisa, prima di lasciare l’Italia. Attualmente il gigantesco difensore centrale (29 anni a fine mese ) gioca nel Nogometno Triglav Kranj, nella Serie A slovena. Tre gol realizzati e maglia numero 28 per Milanovic che di Ascoli conserva un ottimo ricordo.
Milanovic, che ricordo ha di Ascoli?
«Bellissimo. Città straordinaria, tifosi magnifici. Sono motto legato ad Ascoli dove è nata la mia prima figlia Mila».
E del campionato 2015-2016?
«Alla fine ci siamo salvati e siamo stati contenti. Abbiamo festeggiato. Durante il campionato è successo di tutto compreso il cambio di allenatore».

Milan con la moglie Bojana

Lei è rimasto in contatto con qualche compagno di squadra?
«Ho perso i contatti, ma sono rimasto in buoni rapporti con tutti».
Segue ancora l’Ascoli dalla Slovenia? Che impressione ha?
«Mi sembra una buona squadra, valida e in grado di lottare per i playoff. Sono rimasto sorpreso dal calo, si vede che qualcosa non ha funzionato. Peccato perché l’Ascoli merita la Serie A».
Quale è il ricordo più bello della sua stagione ad Ascoli?
«Il pareggio finale a La Spezia quando ci salvammo. Lo meritavamo».
Quando ricomincia il campionato in Slovenia?
«Dovrebbe ripartire il 9 maggio, ma nessuno può dirlo con certezza. Il virus è un nemico molto pericoloso e dobbiamo stare sempre in guardia».
Milanovic, la sua bella famiglia come si trova in Slovenia?
«Mia moglie Bojana e le mie figlie Mila e Andjela si trovano bene, come me».
Cosa vuol dire, per chiudere, ai tifosi dell’Ascoli?
«Li saluto con grande affetto, specialmente quelli della curva sud. È magnifico giocare con loro alle spalle».

Sostieni Cronache Picene

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Picene lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT24F0847413502000000005641
  • Intestatario: Cronache Picene S.r.l - Banca: BCC di Ascoli Piceno


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X