Quantcast
facebook rss

Il sindaco Petrucci è ora
nel reparto Rianimazione
Ancora riservata la prognosi

ARQUATA - Il primo cittadino ha lasciato il Pronto Soccorso del "Mazzoni", è cosciente e continua a dare prova di essere molto combattivo. Il racconto del dottor Loria della fase critica. Le parole del vice sindaco Michele Franchi  
...

Il sindaco Petrucci al Pronto Soccorso, assistito dal dottor Massimo Loria e dall’infermiera Lara

 

E’ stazionario nel reparto Rianimazione dell’ospedale “Mazzoni” di Ascoli Aleandro Petrucci, il sindaco di Arquata, che ha lasciato tutti con il fiato sospeso appena si è sparsa la voce del suo ricovero d’urgenza al Pronto Soccorso, la tarda serata di lunedì.

La prognosi non è ancora stata sciolta, ma è cosciente e sta continuando la terapia iniziata alla pre murg del Pronto Soccorso dove è stato stabilizzato dopo una pericolosa crisi avvenuta ieri mattina, 19 maggio.

Aleandro Petrucci (Foto Andrea Vagnoni)

«Lo abbiamo ripreso per le penne, ma è molto combattivo. Ci sono tutti i presupposti per una pronta guarigione», ha dichiarato il dottor Massimo Loria, primario in pensione del reparto d’urgenza e tornato in servizio a seguito della chiamata di Area Vasta 5 per fronteggiare l’emergenza sanitaria.

«La forte infezione di cui Petrucci è stato vittima – ha spiegato il medico – aveva gravemente compromesso i parametri vitali.

Era entrato in uno stato di pre coma molto pericoloso. Sono state necessarie diverse ore per stabilizzarlo».

E’ lo stesso ex primario poi a raccontare, tra lo stupore e un sincero sospiro di sollievo, di come il sindaco di Arquata, appena migliorato sia tornato… lui.

«Ha subito voluto fare una foto – è ancora Loria che parla – per rassicurare tutti coloro che chiedevano delle sue condizioni.

Michele Franchi, vice sindaco di Arquata

Si è messo a scherzare ed ha ringraziato medici e infermieri».

Poi il trasferimento nella Rianimazione dove è costantemente monitorato e sottoposto ad ulteriori indagini per capire l’origine del suo problema.

Il vice sindaco Michele Franchi è in costante contatto con la moglie che, non potendo essere accanto al marito in questo delicato momento per via delle restrizioni dovute al Coronavirus, è informata dal personale del reparto.

«Ieri – ha detto Franchi, visibilmente preoccupato – sono anche riuscito a parlare con lui al telefono. Ora nella Rianimazione non è possibile. Mi auguro che si rimetta al più presto. Lo aspettiamo tutti».

Petrucci, tampone negativo Il sindaco del sisma sta meglio ma resta in prognosi riservata Migliaia di messaggi da tutta Italia

Scompenso cardiaco, Petrucci ricoverato d’urgenza


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X