facebook rss

De Vecchis (Geosistem):
«Ricostruzione, finalmente ci sono
gli anticipi per i professionisti»

FASE 2 - Parla il titolare dell'impresa ascolana specializzata nelle trivellazioni e realizzazione di pali: «Il lockdonw non ci ha danneggiato visto che il settore si è fermato e poi è ripartito senza fughe in avanti. Con il sisma lavoro per 10-15 anni, ma si potrebbero tutelare di più le imprese locali»
Print Friendly, PDF & Email

I mezzi della Geosistm al lavoro nel cantiere della nuova tribuna est dello stadio Del Duca

di Renato Pierantozzi

Dalle palificazioni della nuova tribuna est dello stadio Del Duca fino ai tralicci dell’alta tensione, la messa in sicurezza del cimitero partigiano di Pozza, la ricostruzione post sisma e ora le indagini sulla vulnerabilità degli edifici scolastici ascolani In prima linea nei cantieri di tutta Italia c’è anche l’impresa ascolana Geosistem srl, fondata nel 1985 e dal 2000 guidata dai due soci (Massimo De Vecchis e Domenico Gentili) con 13 dipendenti e 2 impiegati. L’impresa è specializzata in trivellazioni, indagini geologiche e nanella realizzazione di pali per le fondamenta fino a una profondità massima di oltre 30 metri.

Massimo De Vecchis

De Vecchis, avete risentito anche voi negativamente del lockdown?

«In realtà il settore dell’edilizia non ha avuto conseguenze drammatiche come quelle subite, ad esempio,  da ristoranti e palestre ad esempio. Ci siamo fermati tutti insieme e poi siamo ripartiti. Non c’è stata quindi la possibilità per qualcuno di approfittare della “fermata” a scapito di altri».

Dove state lavorando adesso?

«Abbiamo cantieri ad Ancona per conto di Terna (il gestore della rete elettrica nazionale, ndr), abbiamo iniziato le indagini di vulnerabilità sismica degli edifici scolastici ascolani a supporto dei tecnici incaricati e tra poco inizieremo i pali per la ricostruzione della scuola di Pozza di Acquasanta Terme che è stata demolita dopo il sisma».

A proposito, sta cambiando il “passo” della ricostruzione a distanza di quasi quattro anni dalle scosse e l’arrivo del nuovo commissario Legnini?

«Sì, grazie all’ordinanza che consente lo sblocco dell’anticipo del 50% ai professionisti.Prima invece per vedere i primi soldi bisognava aspettare anche due/tre anni come nel caso di chi realizzava le indagini geologiche. Una situazione insostenibile. Ma si potrebbero fare anche altre cose per agevolare le imprese del territorio».

Che cosa in particolare?

Lavori al cimitero di Pozza di Acquasanta Terme

«Penso agli appalti sotto un milione di euro per cui le norme già consentono alle amministrazioni di invitare imprese per procedure negoziate. Questa cosa potrebbe essere estesa anche ad altre realtà statali (tipo l’Anas, ndr) in modo da invitare alle gare le imprese locali rispettando sempre il codice degli appalti e il principio di rotazione. Invece adesso si va avanti con un albo nazionale con tante imprese che magari prendono i lavori e poi lo ridanno a subappaltatori con il rischio poi che quest’ultimi non vengano pagati».

Quanto durerà la ricostruzione?

«Ci sarà lavoro penso per almeno 10-15 anni. Tantissimi edifici “E” ancora sono da ricostruire al pari di interi borghi distrutti. Per il nostro settore rappresenta ossigeno anche perché prima del 2016 c’era una crisi nera. Nella tragedia del sisma, è arrivato il lavoro».

Lavori per conto Terna

Di che cosa si occupa Geosistem in particolare?

«In base alla microzonazione del terreno realizziamo i pali per le fondamenta degli edifici da ricostruire. Tra poco partiremo per la scuola di Pozza di proprietà della comunanza agraria».

Come sta cambiando la vita nei cantieri a seguito della pandemia?

«Rischiamo di avere più costi a causa di norme che possono essere intese in modo molto rigido da parte delle imprese. In un cantiere rischiamo di ritrovarci con 8 bagni chimici per le nuove disposizioni legate ai protocolli d attuare».

Sostieni Cronache Picene

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane la redazione di Cronache Picene lavora senza sosta per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e in tempo reale sull’emergenza Coronavirus e molto altro. Impieghiamo tutte le nostre forze senza ricevere alcun finanziamento pubblico destinato all’editoria. Sappiamo che, adesso più che mai, l’informazione è fondamentale per la nostra comunità: per questo continuiamo a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. La situazione attuale ha comportato inevitabilmente una forte riduzione di quei contratti pubblicitari che ci hanno consentito in questi 4 anni di attività di offrirti un servizio gratuito. Se apprezzi il nostro lavoro e ritieni che sia importante conoscere quanto accada sul tuo territorio, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Oppure tramite Bonifico Bancario, inserendo come causale "erogazione liberale":

  • IBAN: IT24F0847413502000000005641
  • Intestatario: Cronache Picene S.r.l - Banca: BCC di Ascoli Piceno


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X