Quantcast
facebook rss

Blitz dei Carabinieri all’alba nella casa occupata. Scagliano di tutto contro le divise: arrestati

FERMO - Un ingente schieramento di Carabinieri questa mattina all'alba a Lido Tre Archi. Con loro anche la Guardia di Finanza e i Vigili del fuoco. Clandestini in manette. I controlli sono proseguiti in tutto il quartiere
...

E’ scattato questa mattina all’alba il blitz dei Carabinieri a Lido Tre Archi (Fermo). Obiettivo, un appartamento occupato. I militari dell’Arma si sono presentati con un ingente schieramento di forze, coadiuvati dall’unità cinofila della Guardia di Finanza di Fermo e dai Vigili del fuoco.

Fatta irruzione all’interno dell’appartamento, che i Carabinieri avevano nella lista di quelli occupati abusivamente, i militari hanno sorpreso due persone, due clandestini che hanno iniziato a scagliare di tutto contro di loro. La resistenza è durata ben poco. Nulla da fare contro i militari dell’Arma della Stazione di Porto Sant’Elpidio, guidati dal luogotenente Corrado Badini con l’aiuto dei colleghi di Porto San Giorgio. Sul campo anche il comandante della Compagnia di Fermo, il maggiore Roland Peluso.

I Carabinieri li hanno arrestati per resistenza. Al seguito dei militari dell’Arma anche degli “accalappiacani” per la presenza di un cane di grossa tagliache i due clandestini abusiviavevano con loro. L’ingente schieramento di forze – almeno sei pattuglie dell’Arma, mezzi di Finanza e dei Vigili del fuoco – ha richiamato l’attenzione di molti residenti, ormai, per la verità, abituati a vedere in strada le forze dell’ordine che, come richiesto dal prefetto Vincenza Filippi, stanno pattugliando e presidiando quotidianamente, a turno, il rione costiero fermano, tra controlli a tutto campo, indagini, perquisizioni e verifiche amministrative.

Ma questa mattina i Carabinieri,  sono andati a colpo praticamente sicuro. E da lì i controlli si sono allargati su tutto il quartiere per un monitoraggio ad ampia scala teso a stroncare qualsiasi attività legata allo spaccio, alle occupazioni abusive, all’immigrazione clandestina e alla prostituzione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X