Quantcast
facebook rss

Centri estivi per i ragazzi
di Offida, le domande
entro il 18 giugno

STANZIATE risorse per aiutare le famiglie. I Cre sono rivolti a utenti dai 3 ai 14 anni. Ecco il programma e come fare la richiesta illustrati dall'assessore Isabella Bosano del Comune guidato dal sindaco Luigi Massa: «Ci sarà anche la merenda a base di prodotti tipici locali offerta dall'amministrazione comunale»
...

L’assessore Isabella Bosano

Quest’anno i Centri estivi ricreativi (Cre) rischiavano di saltare a causa dei costi troppo elevati necessari per mettere in atto le norme anti Covid.

Per questo i Comuni dell’Ambito territoriale sociale 23 hanno portato avanti un progetto che prevede lo stanziamento di apposite risorse a sostegno delle famiglie.

«Dal 22 giugno siamo pronti a partire con i centri estivi per bimbi da 3 a 14 anni», dichiara Isabella Bosano, assessore comunale di Offida, uno dei Comuni promotori dell’iniziativa.

I Cre di Offida, grazie alla collaborazione del dirigente scolastico e dei circoli di quartiere, si svolgeranno in strutture comunali (palestra plesso scolastico Via Ciabattoni e parco Pablo Neruda, giardino scuola dell’Infanzia di Piazza Baroncelli, Case dei quartieri Borgo Miriam, Santa Maria Goretti, San Lazzaro e San Barnaba) e saranno gestiti dalla Uisp.

Verrà posta grande attenzione all’igiene e alla pulizia, nel rispetto del protocollo sanitario, seppur fondamentale sarà la collaborazione delle famiglie, nell’organizzazione e nel funzionamento del servizio.
Le attività si svolgeranno dal lunedì al venerdì, dalle ore 7, 30 alle 13,30 e fino al 14 agosto.

Ogni centro estivo sarà organizzato in piccoli gruppi: da 3 a 5 anni con 1 educatore ogni 5 bambini;
da 6 a 10 anni con 1 educatore ogni 7 bambini; da 11 a 14 anni con 1 educatore ogni 10 ragazzi. Ci sarà poi 1 educatore per ogni bambino o ragazzo con disabilità.

Le famiglie potranno optare per la frequenza di uno o più turni, della durata di 2 settimane ciascuno.

Per ogni settimana di frequenza il costo di compartecipazione a carico delle famiglie è di 50 euro, per cui sono utilizzabili i bonus messi a disposizione dal Governo.

«Dopo la chiusura delle scuole e dell’attività didattica – continua la Bosano – proviamo a ripartire all’aria aperta, cercando soluzioni alternative per rispondere positivamente alle limitazioni che la situazione attuale ci pone. Sperimentando e crescendo insieme. Il gioco è lo strumento privilegiato di apprendimento, per questo verranno sviluppate proposte educative, di cui a breve pubblicheremo il programma, sotto forma di attività ludico-ricreative».

Il sindaco di Offida Luigi Massa

«Gli obiettivi primari che l’amministrazione comunale pone alla base dei centri estivi – conclude il sindaco Luigi Massasono quelli di dare la possibilità ai bambini e ai ragazzi di riappropriarsi di spazi a loro conosciuti. Dare loro la possibilità di tornare a socializzare con i coetanei e con altri adulti, fornire alle famiglie un supporto educativo di qualità. Sempre sensibile e attenta alle sane abitudini alimentari, l’amministrazione offrirà, a coloro che frequentano i centri estivi, uno spuntino a base di frutta e prodotti locali a metà mattina».

Le iscrizioni per i centri estivi sono aperte: le domande potranno essere scaricate dal sito istituzionale del Comune di Offida e dovranno essere inviate alla mail centriestivi2020ats23@gmail.com entro le ore 12 di giovedì 18 giugno.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X